PayPal pronto ad abilitare la compravendita e lo shopping crypto

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 22 Ottobre 2020 | 10:00

PayPal (gruppo quotato al Nasdaq dove segna un rialzo a 12 mesi del +107%) consentirà l’acquisto, la vendita e lo shopping crypto. Questo è quanto afferma Reuters citando una nota ufficiale dell’azienda.

La società, come nel dettaglio riportato da Cryptonomist.ch, ha ottenuto una licenza condizionale di criptovaluta dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York, grazie alla quale consentirà inizialmente acquisti di bitcoin, ethereum, bitcoin cash e litecoin, grazie ad una collaborazione Paxos Trust Company.

La licenza condizionale consente alle nuove aziende di essere conformi proprio grazie alla collaborazione con un licenziatario autorizzato, nell’attesa di ottenerne una propria.

Per le compravendite verrà utilizzato presumibilmente Paxos Crypto Brokerage, ovvero un servizio di brokeraggio basato su API recentemente lanciato da Paxos, che gestirà anche gli aspetti normativi e tecnologici.

Paypal, le crypto per fare shopping

L’articolo rivela anche che, a partire dall’inizio del 2021, gli utenti del celebre servizio di pagamenti potranno anche utilizzare le criptovalute per fare shopping presso i 26 milioni di commercianti che accettano pagamenti via PayPal.

I pagamenti in criptovaluta verranno regolati utilizzando valute fiat, come il dollaro USA, così i commercianti non riceveranno pagamenti in criptovalute, ma direttamente in valuta fiat.

Secondo il presidente ed amministratore delegato della società, Dan Schulman, questa mossa dovrebbe incoraggiare l’uso globale di monete virtuali, e preparerà gli strumenti dell’azienda a supportare le nuove valute digitali che saranno lanciate da banche centrali e società.

Il nuovo servizio sarà disponibile inizialmente ai titolari di conti statunitensi, già nelle prossime settimane, mentre nella prima metà del 2021 verrà esteso anche ad altri paesi e su Venmo.

PayPal conta in totale 346 milioni di conti attivi in ​​tutto il mondo, e nel secondo trimestre del 2020 ha elaborato pagamenti complessivamente per 222 miliardi di dollari.

La notizia era nell’aria da tempo, ed ha generato un lieve aumento del prezzo del Bitcoin, già cresciuto molto di recente.

Di fatto la nuova funzionalità consentirà a centinaia di milioni di utenti del servizio di accedere molto facilmente al mercato crypto, e soprattutto senza dover eseguire altre procedure KYC, solitamente lente e scomode.

Visto che, secondo un recente studio, al mondo esisterebbero attualmente circa 100 milioni di possessori di criptovalute, il fatto che queste vengano di colpo messe a disposizione dei quasi 350 milioni di utenti PayPal potrebbe ampliare velocemente questo numero.

Il trend di Paypal a 12 mesi al Nasdaq

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bce, all’orizzonte un nuovo piano di acquisto di bond?

Anche gli Etf entrano nella “lista della spesa” della Fed

Oro resiliente anche nel 2020?

NEWSLETTER
Iscriviti
X