Fnm vola in Borsa dopo l’accordo per l’acquisto della Serravalle

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 4 Novembre 2020 | 12:00

Vola in Borsa Fnm (Ferrovie Nord Milano) dopo la sottoscrizione dell’accordo con la Regione Lombardia per l’acquisto dell’82,4% della Milano Serravalle per 519,2 milioni di euro. Il titolo, finito anche in asta di volatilità, a metà mattinata guadagna circa l’8%.

Secondo gli analisti di Equita Sim, “attraverso questa operazione Fnm diventerebbe una holding strategica nel settore delle infrastrutture in Lombardia e Nord Italia”. In una nota, Fnm sottolinea che “nascerà il primo polo integrato autostrada-ferrogomma in Italia, con la creazione di un operatore infrastrutturale che rappresenterà un unicum sul mercato italiano”.

Al completamento dell’operazione Fnm controllerà il 96% di Milano Serravalle, avendo rilevato lo scorso luglio il 14% in mano al gruppo Gavio. Contestualmente la Regione (che peraltro controlla la stessa Fnm) ha assunto l’impegno a sottoscrivere e liberare le azioni di Autostrada Pedemontana Lombarda nell’ambito dall’aumento di capitale da 350 milioni eventualmente rimaste inoptate. Autostrada Pedemontana Lombarda uscirà quindi dal perimetro stesso della Milano Serravalle.

L’acquisizione, che si prevede venga portata a termine entro i primi mesi del 2021, sarà finanziata da una linea di credito a breve termine sottoscritta interamente da Imi-Intesa SanPaolo, JP Morgan e Bnp Paribas Bnl per un importo massimo di 650 milioni di euro. Milano Serravalle è la società concessionaria per la progettazione, realizzazione e gestione dell’Autostrada A7 Serravalle-Milano e delle Tangenziali Nord, Est e Ovest di Milano.

L’esecutività dell’accordo è condizionata al verificarsi di alcune condizioni sospensive, tra cui l’approvazione da parte dell’Antitrust e della golden power, nonché dell’autorizzazione da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

PIR, il 2021 potrebbe essere l’anno giusto

Fineco, preparatevi a super ricavi

Usa, le nuove tariffe sulle importazioni di cognac impattano su Campari e Lvmh

NEWSLETTER
Iscriviti
X