UK, Pil in rialzo ma trema la tripla A

A
A
A
Avatar di Giacomo Berdini 30 Marzo 2010 | 10:00
Il pil della Gran Bretagna è in rialzo dello 0,1% rispetto alle stime, segno di come la crisi si stia finalmente esaurendo. Tuttavia il debito è ancora molto alto, e l’S&P minaccia di togliere il rating da tripla A.

Sembra che la crisi sia finalmente finita anche in Gran Bretagna. Dopo il crollo della sterlina e addirittura l’allarme di speculazione sulla moneta anglosassone, il Pil torna a salire.

Nel corso dell’ultimo quarter del 2009, infatti, l’economia inglese è cresciuta oltre le attese. L’indice di misurazione del prodotto interno lordo ha segnato un + 0,4% nel corso degli ultimi tre mesi, oltrepassando le stime del consensus che attribuivano un incremento dello 0,3%.
A comunicarlo è stato l’Ons, Ufficio nazionale di statistica, che ha sottolineato come il Pil su base annuale abbia comunque registrato un calo del 3,1% nel corso del quarto trimestre, comunque meglio delle previsioni che attribuivano un decremento del 3,3%.
Il sistema economico è in crescita, segno dell’arresto di quel trend discendente che stava trascinando in basso il Regno Unito.

Ma non tutte le notizie sono buone.
L’agenzia internazionale di rating Standard & Poor’s, infatti, ha avvertito il Paese che se non agirà per ridurre il debito potrebbe perdere la tripla A.
Per il momento il rating resta invariato, anche se S&P stima un incremento del debito di Londra nel 2010 al 77% del Pil, con un’escursione al 100% nel 2014. La speranza è che le elezioni politiche previste per maggio possano contribuire a cambiare la situazione invertendo questa tendenza. L’agenzia ha specificato che, per l’appunto, rivedrà il rating dopo la consultazione elettorale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crescita, il pil rallenta con il Coronavirus

Pil, nessuna crescita per l’Italia nel 2019. Parola di Ocse

Conte bis, la benedizione di Moody’s

Pil, l’Italia è ferma al palo

Manovra, la mazzata fiscale si fa sentire

Istat, nubi minacciose sul pil italiano

Moody’s: Pil italiano al rallentatore

Pil, le grandi banche sono pessimiste

Pil, l’Italia entra in recessione tecnica

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Pil Usa rivisto a +1,4% nel secondo semestre

Istat: nel 2015 Pil a +0,7%, pressione fiscale resta ferma al 43,4%

Il Pil italiano resta appeso all’export, segnali di rallentamento dall’Europa

Eurostat: Pil Eurolandia sale dello 0,6% nei primi tre mesi del 2016

L’economia accelera in Germania nel 2015

La Bce aggiorna le stime su Pil e inflazione Eurozona

Usa: rivista al rialzo stima Pil III trimestre, +2,1%

Istat: rallenta nel terzo trimestre la ripresina italiana

L’Istat conferma i segnali di ripresa

Il motore della crescita Usa restano i consumi

Commissione Ue: la ripresa slitta ancora

Alleva (Istat): il Pil? Negativo anche quest’anno

Pil, meglio del previsto ma rallenterà

Ocse, PIL in crescita dello 0,7%

In Italia la crescita è ancora debole

Pil, S&P rivede in ribasso le stime del governo

Eurozona, Pil a -2,2%, ma salgono i prezzi

Istat, nel 2009 il deficit peggiore dal ’96

Banca di Francia, Pil +0,4%

Pil Eurozona in calo, il peggiori risultato in 39 anni

Pil in calo, i tedeschi rivogliono il Marco

Pil Eurozona, – 2,5% nel primo trimestre

Migliora il quadro congiunturale dell'euro-zone

Ti può anche interessare

Italia, i dazi Usa ci costano 4,3 miliardi

I dazi minacciati dal governo americano contro la Ue nell’ambito della lunga battaglia legata ...

Risparmio gestito, falsa partenza nel 2020

Deflussi di oltre 4,6 miliardi a gennaio per le sgr attive in Italia ...

Lettera di una consulente: mi invento un eBook per i miei clienti

Vi proponiamo di seguito una lettera ricevuta da una nostra lettrice per la rubrica dedicata alle vo ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X