Progressi sul vaccino anti-Covid, Schroders: una ragione per essere ottimisti

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 10 Novembre 2020 | 16:30

“Il risultato delle elezioni Usa è stata una notizia importante per il mondo, per l’economia e i mercati. Ma, in quanto investitore, ho sempre pensato che la pandemia avesse implicazioni più rilevanti per i mercati. Il successo elettorale di Joe Biden è stato eclissato dalla notizia di ieri sulla possibilità che sia stato trovato un vaccino efficace contro il Covid-19“. E’ quanto nota Johanna Kyrklund, Cio e Global Head of Multi-Asset Investment di Schroders. Di seguito la sua analisi.

Una settimana ricca di eventi ha improvvisamente assunto un significato ancora più importante. Infatti, il Ceo di Pfizer – l’azienda che ha sviluppato il vaccino (insieme a BioNTech) – lo ha etichettato come “un grande giorno per la scienza e l’umanità”. Resta da vedere se tale affermazione si rivelerà un’iperbole, ma i risultati sembrano certamente molto incoraggianti, con il nuovo vaccino a due dosi che si dice abbia un’efficacia superiore al 90% nella prevenzione del Covid-19. Per dare un’idea, il vaccino contro il morbillo, ampiamente utilizzato, ha un’efficacia del 97%, mentre la vaccinazione contro l’influenza stagionale tra il 40% e il 60%.

La prospettiva di un possibile ritorno alla normalità ha comprensibilmente reso gli investitori euforici, con i mercati azionari in rialzo in tutto il mondo. Nel Regno Unito, ad esempio, il Ftse 100 è salito del 5% circa. Ma a essere particolarmente interessante è il tipo di azioni che hanno sovraperformato. Le società che sono state particolarmente colpite dai lockdown – come compagnie aeree, tempo libero e ospitalità – hanno visto un notevole rialzo. Contemporaneamente, i rendimenti dei titoli di Stato sono saliti, il prezzo dell’oro è diminuito e il petrolio ha registrato un forte rally.

Siamo all’inizio di un’importante rotazione? Molto probabilmente sì. Potremmo aver finalmente trovato un catalizzatore per dare il via a uno spostamento dai titoli ‘stay-at-home’ che hanno beneficiato dei lockdown, verso i titoli della ripresa. Se tutti i tipi di aziende tornassero a crescere con la ripresa dell’economia, non sarebbe più necessario pagare un grosso premio per le poche aree di crescita.
Si tratta di essere preparati a diverse eventualità. Anche se, in quanto gestori di fondi, ci piace immaginare di avere una sfera di cristallo, in realtà per costruire un portafoglio è necessario considerare una serie di potenziali scenari. Si cerca di scegliere gli investimenti in grado di far fronte a molteplici sviluppi.

La pandemia globale ha rappresentato una sfida importante in tal senso, dato che improvvisamente la gamma di scenari possibili è diventata molto estrema. Le lettere che hanno descritto la potenziale forma della ripresa sono state svariate: U, V, W, L e K. Anche per coloro che erano più ottimisti e si aspettavano una ripresa a “V”, era necessario prendere in considerazione la possibilità che la ripresa fosse a “L”, per cui l’assenza di un vaccino avrebbe implicato maggiori implicazioni negative per il settore privato nel medio periodo.

La notizia di Pfizer di ieri, combinata con i progressi medici che rendono il virus più facilmente gestibile oggi, implica che la probabilità di una ripresa a “L” si è ridotta significativamente. Il potenziale vaccino riduce anche i rischi legati alla capacità dei politici di sostenere le rispettive economie o di controllare il virus. Guardando ai prossimi 6-12 mesi, la notizia di ieri rende meno probabile la necessità di un ulteriore pacchetto di stimoli fiscali per sostenere il calo della domanda legato a un nuovo potenziale lockdown.

Eravamo già dell’idea che gli scenari legati al Covid-19 fossero più importanti di quelli associati alle elezioni Usa e la notizia del vaccino non ha fatto altro che confermarla. I risultati elettorali più estremi (una “onda blu” o un’elezione contestata) sono stati evitati e ora contano meno. Rispetto all’inizio della scorsa settimana, l’incertezza che ci ha afflitto per gran parte del 2020 è decisamente diminuita. Improvvisamente c’è un motivo per essere ottimisti verso il 2021: speriamo davvero che la giornata di ieri si riveli essere un grande giorno, come dichiarato dal CEO di Pfizer.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X