Investitori professionali: nell’intelligenza artificiale le opportunità d’investimento tematico più interessanti

A
A
A
di Stefano Fossati 18 Novembre 2020 | 17:30

Gli investitori professionali italiani al momento ritengono che l’intelligenza artificiale (AI) presenti le opportunità d’investimento tematico più interessanti nel lungo termine. E’ quanto rivela una indagine commissionata da WisdomTree, sponsor di prodotti Etf (exchange traded fund) ed Etp (exchange traded product).

L’indagine, condotta da CoreData Research, un’agenzia di ricerca indipendente, ha coinvolto 440 investitori professionali in tutta Europa, dalle aziende di consulenza finanziaria del segmento wholesale ai wealth manager passando per i family office. Gli investitori oggetto dell’indagine sono responsabili della gestione di masse per un valore di circa 240 miliardi di euro.

L’indagine di WisdomTree rivela un consensus tra gli investitori professionali italiani: otto su dieci (cioè l’81%) ritengono infatti che l’AI rappresenti una delle opportunità d’investimento tematico tra le più interessanti nel lungo periodo. Poiché l’intelligenza artificiale si trova nelle prime fasi di adozione e applicazione, gli investitori professionali chiaramente credono nel potenziale di questa tecnologia che si prevede trasformerà in misura significativa le industrie, i servizi, il lavoro e i consumi.

I temi strettamente correlati alla necessità di affrontare e di lavorare durante la pandemia di coronavirus hanno rappresentato, rispettivamente, la seconda e la terza opportunità di lungo periodo più interessante. Poiché la pandemia è in cima ai pensieri degli investitori, la corsa per lo sviluppo del vaccino e l’innovazione dietro la ricerca del medesimo hanno reso il biotech (58%) la seconda opportunità d’investimento più interessante tra gli investitori professionali italiani oggetto dell’indagine.

Il passaggio al lavoro da casa, dovuto alla pandemia, ha fatto sì che la sicurezza informatica (56%) sia stata selezionata come la terza opportunità d’investimento più interessante nel lungo termine. I risultati rafforzano l’idea secondo la quale la tecnologia usata dai dipendenti è più vulnerabile al difuori della rete aziendale e il costo della violazione dei dati continua a salire. Gli investitori sembrano anticipare l’aumento della domanda di sicurezza informatica, essenziale nella protezione di hardware, software e dati dalle minacce cibernetiche.

Intelligenza artificiale, biotecnologie, cyber security e cloud computing, tra gli altri settori tematici, potrebbero assistere a un significativo aumento d’interesse nei prossimi dodici mesi, poiché oltre tre su quattro degli investitori professionali italiani intervistati (ossia il 76%) si aspetta d’incrementare le proprie allocazioni azionarie tematiche durante il periodo. Il cloud computing, in particolare, riveste un certo rilievo in quanto si tratta di un’infrastruttura che consente agli altri temi di crescere ed espandersi in misura più influente.

Investire nei settori tematici può essere difficile, poiché spesso non esiste una tecnica di screening adeguata o una metodologia semplice per individuare le principali società quotate in settori come quello del cloud computing o dell’intelligenza artificiale. Di conseguenza, le strategie su settori tematici e specialistici, prima accessibili solo attraverso fondi a gestione attiva, oggi sono oggetto di innovazione da parte degli sponsor di Etf.

“La nostra ricerca punta alla crescente popolarità degli investimenti tematici, che ha beneficiato di forti rendimenti durante la pandemia di coronavirus. Mentre l’intelligenza artificiale, la biotecnologia e la sicurezza informatica presentano interessanti opportunità a lungo termine, il cloud computing ha riportato un anno positivo, in quanto le diverse organizzazioni sono passate al cloud più rapidamente di quanto previsto dagli esperti. Una volta visti come una moda passeggera, gli investimenti tematici stanno diventando importanti elementi costitutivi nella costruzione del portafoglio, grazie al loro potenziale di crescita a lungo termine”, spiega Antonio Sidoti, Head of Southern Europe di WisdomTree.

Aggiunge Christopher Gannatti, Head of Research Europa di WisdomTree: “A causa della natura impegnativa dell’investimento tematico, riteniamo che un approccio differenziato e ponderato alle esposizioni tematiche tramite Etf debba contemplare la costruzione di indici con il supporto di esperti del settore. La costruzione di indici può così fornire quell’esposizione concentrata, pure play, che un investitore si aspetterebbe da un gestore attivo specializzato nel settore, ma con tutti i vantaggi del wrapper Etf. Poiché gli investitori cercano di aggiungere ai portafogli allocazioni specifiche ad alta crescita, ci aspettiamo che la popolarità dei titoli azionari tematici che forniscono esposizioni differenziate continuerà a crescere. L’innovazione e lo sviluppo dei prodotti sono fondamentali per distinguersi in una nicchia di mercato così competitiva. Con il tempo, WisdomTree continuerà a costruire strategie tematiche che sfruttano approcci innovativi e rispondono alle esigenze degli investitori”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La Financiere de L’Echiquier, investire in AI e Space Economy

Investimenti, intelligenza artificiale sempre più cruciale per le aziende

La tecnologia europea? Ha il suo vantaggio competitivo nel “purpose”

NEWSLETTER
Iscriviti
X