Mifid, sotto la lente del Cesr

A
A
A
di Giacomo Berdini 2 Aprile 2010 | 11:30
Il Commitee of European Securities Regulators pubblica un rapporto di valutazione sul funzionamento del Mifid, tenendo conto degli sviluppi tecnici che hanno impattato sul mercato equity dopo l’introduzione della direttiva.

Sono passati più di due anni dall’implementazione del Mifid (Market in Financial Instruments Directive). Il Cesr, Commitee of European Securities Regulators, ha condotto una prima valutazione sul funzionamento della nuova struttura di regolamentazione e in merito al suo impatto sul mercato.

Nel suo rapporto, il Cesr ha sollevato un certo numero di questioni che saranno inserite nel contesto dei lavori di revisione del Mifid, tuttavia, dal momento della pubblicazione del report Cesr, si sono susseguiti con sempre maggiore intensità alcuni sviluppi sistemici sostenuti dalla tecnologia, come l’high frequency trading, le strutture di commissione, lo sponsored access, gli indicatori di interessi e la co-location.
Benché questi topic non siano quindi esplicitamente inclusi nel sovramenzionato rapporto di revisione dell’articolo 65 del Mifid, il Cesr intende valutare questi sviluppi in gran profondità, per via dei loro potenziali effetti complessivi sull’equity market, nonché per la valutazione dell’efficienza di questi mercati all’interno dell’Unione Europea.

Per promuover questo processo, il Cesr sta svolgendo un esercizio di raccoglimento prove, che potrebbe essere d’aiuto nella valutazione dell’impatto di alcuni degli ultimi sviluppi nell’equity market europeo e potrebbe inoltre fornire informazioni sugli aspetti di revisione del Mifid.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Cesr, nuove istruzioni per i fondi comuni

CESR: nuove regole per le vendite allo scoperto

Cesr vuole maggiori informazioni su strumenti finanziari

NEWSLETTER
Iscriviti
X