L’Oracolo – Nuova sveglia vi svuota il conto

A
A
A
di Matteo Chiamenti 6 Aprile 2010 | 15:00
Strane visioni dal mondo della finanza. Ecco entrato in commercio un nuovo modello di apparecchio atto a rivoluzionare la vostra vita. Perchè? Se vi alzate in ritardo vi frega i soldi direttamente dal cc.

Si potrebbe esordire l’articolo con il consueto detto “chi dorme non piglia pesci”; sarebbe un modo alquanto banale di iniziare un racconto, ma ormai l’abbiamo fatto quindi amen. Tornando a noi, da che mondo è mondo, una delle gioie che elevano l’animo umano consiste tipicamente nel rimandare con successo l’orripilante atto dell’alzarsi dal letto, eventualità solitamente proibita all’uomo comune nei giorni feriali (sempre che non siate una rock star o un politico).

Malgrado ciò, risulta comunque consistente la casistica relativa a coloro che se ne sbattono della beneamata sveglia, riuscendo a rimandare l’appuntamento con il dovere di quel poco che serve a farci sentire indipendenti (in genere massimo 5 minuti ahimè); un esercito di coraggiosi che rischia seriamente la decimazione per opera di SnūzNLūz, una nuova sveglia in commercio che prevede un collegamento via internet con il conto corrente del proprietario, e effettua una donazione per ogni volta che viene utilizzata la funzione di “snooze”, quella che permette di rinviare il suono della sveglia a qualche minuto dopo. In questo caso, dormire qualche minuto in più diventa costoso.

Elemento che la rende davvero irresistibile per ogni masochista che si rispetti (già ci immaginiamo l’apprezzamento da parte di Max Mosley) vi è la possibilità di impostare l’oggetto della destinazione automatica, cosa che ci permette di optare per entità a noi particolarmente avverse, come ad esempio l’Accademia della crusca nel caso foste Antonio Di Pietro, oppure la Congregazione delle vergini di San Giuseppe nell’ipotesi in cui la dormigliona sia Belen Rodriguez. Sogni d’oro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti