Utility, cresce il consumo di gas e il prezzo dell’energia elettrica. Le azioni per approfittarne

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 3 Dicembre 2020 | 10:30

Andamento consumi gas in forte ripresa in Italia a novembre con un +6,3% su base annua, spinti sia dalla domanda termoelettrica che dal settore industriale. Una notizia positiva per il settore utility, che contribuisce a un forte rimbalzo del prezzo dell’energia elettrica (raggiunti nuovi massimi in Italia con valori medi ai 50  euro per MWh e con picchi di 60-70 euro per MWh).

Tra i fattori che stanno sostenendo il rialzo dei prezzi elettrici, gli analisti di Equita rilevano:

  • la maggiore domanda commodities con prezzi gas a +23% nell’ultimo mese (intorno ai 15-16 euro per metro cubo in Italia)
  • il forte rialzo dei prezzi della CO2 (intorno ai 28-29  euro per tonnellata +25% negli ultimi mesi) anche sostenuto dai ritardi Europei nell`allocazione delle EUA per il prossimo anno che alimenta il corto di diritti;
  • gli annunci della chiusura impianti coal in Germania con le aste per le riconversioni/chiusure già nel 2021; – il calo delle temperature che sostiene maggiore domanda.

Tra le società più esposte all’aumento dei prezzi energia secondo gli analisti della Sim milanese ci sono: Erg, A2A, Iren, Enel, Falck Renewable, Iniziative Bresciane, sia per le produzioni idroelettriche e wind/solar non incentivate, sia per la possibilità di fare hedging sul 2021-22 a prezzi favorevoli durante le ultime settimane dell’anno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

A2a, Standard Ethics migliora l’outlook a “Positivo”

A2a chiude il gap ribassista aperto lo scorso marzo. I prossimi target

A2a pronta per chiudere il gap ribassita aperto lo scorso marzo

NEWSLETTER
Iscriviti
X