Bain & Company: entro il 2040 più di metà delle auto sarà a trazione elettrica

A
A
A
di Stefano Fossati 14 Dicembre 2020 | 13:30

Il mercato dei veicoli elettrici inizierà a crescere rapidamente intorno al 2024 e il comparto a guida autonoma raggiungerà un punto di svolta poco dopo il 2028. Queste le previsioni di Bain & Company, che sottolinea come per le aziende del segmento auto sia importante – in questa fase – investire nelle opportunità che si prospettano e stringere delle partnership strategiche.

Secondo un recente sondaggio realizzato dalla società di consulenza, i consumatori sono sempre più propensi ad acquistare auto elettriche, ma le case automobilistiche continuano a perdere denaro per produrle e venderle. Nonostante questo, la spinta globale verso i veicoli elettrici – sostenuta dagli incentivi e dalle politiche nazionali – è forte: entro il 2025, circa il 12% di tutte le nuove auto vendute nel mondo sarà completamente elettrico. Entro il 2040, questa cifra sarà superiore al 50%. Le prime aziende a offrire un veicolo elettrico economico e non dipendente dagli incentivi saranno quelle che godranno di un prezioso vantaggio competitivo.

“In Italia le vetture elettriche fanno ancora fatica a conquistare l’attenzione dei consumatori. Il paragone con gli altri Paesi europei mostra come a fronte delle 103mila immatricolazioni della Germania (elettriche pure e ibride plug-in) e delle quasi 90mila della Norvegia, nel 2019 l’Italia si è fermata a poco più di 16mila. Gli incentivi stanno contribuendo a incrementarne la penetrazione, aumentata durante la pandemia ma al confronto di un mercato totale molto più piccolo. A novembre non avevano ancora raggiunto il 3% del totale”, spiega Gianluca Di Loreto, Partner di Bain & Company.

Una componente chiave dal punto di vista dei costi – per le case produttrici – è la batteria, che rappresenta il 30% dei costi di produzione. Tuttavia, Bain & Company prevede che – grazie alle migliorie tecnologiche e all’ottimizzazione della produzione in scala – i costi delle batterie passeranno da 124 dollari per chilowattora a 100 dollari per chilowattora entro il 2025, con un calo del 19,4%.

Per quanto riguarda i veicoli a guida autonoma, Bain & Company stima che inizieranno a guadagnare terreno entro il 2028, previo un adeguamento della legislazione e una conseguente, maggiore fiducia dei consumatori che, testando queste nuove tecnologie, potranno valutarne la sicurezza. Nei prossimi otto anni, due saranno gli utilizzi principali delle auto a guida autonoma: in autostrada per i veicoli privati e le flotte robo-taxi per le aree urbane.

Entro il 2030 i servizi di ride-hailing AV, inoltre, potrebbero essere una soluzione redditizia per la mobilità urbana. Le città innovative utilizzeranno flotte robo-taxi per integrare i propri sistemi di trasporto pubblico esistenti, utilizzando i veicoli a guida autonoma per coprire i percorsi meno frequentati, contribuendo ad alleggerire il traffico nelle aree più congestionate delle città.

Affinché il mercato raggiunga il suo punto di svolta, i veicoli dovranno mostrare di essere in grado, in determinate condizioni, di procedere senza interazione umana. Molti produttori tradizionali stanno espandendo i loro sistemi avanzati di assistenza alla guida con l’obiettivo di lanciare le funzionalità del livello 4 entro il 2025.

“Anche qui l’Italia mostra caratteristiche strutturali alquanto diverse rispetto agli altri Paesi europei. Il parco circolante auto italiano è composto in prevalenza da vetture piccole e compatte. I segmenti di auto medie e grandi, nei quali la presenza dei sistemi di guida assistita è più diffusa, pesano meno del 10%; in Germania e nel Regno Unito sono invece tra il 20% e il 30%. Sarà quindi necessario indurre un ricambio veloce del nostro parco circolante, sia per accelerare la transizione verso trazioni alternative, sia per sostituire vetture obsolete con mezzi più nuovi dotati dei sistemi di sicurezza più avanzati”, aggiunge Di Loreto.

Questo tipo di auto sbarcherà infine sul mercato privato nel segmento dei veicoli di lusso e premium. Dando la possibilità di un viaggio a mani libere, con l’inestimabile prospettiva di più tempo da dedicare al lavoro o al sonno, questi veicoli potrebbero essere appealing per molti consumatori. Per Bain & Company, entro il 2030, in alcune aree del mondo, tra il 4% e il 9% delle nuove auto vendute sarà dotato di automazione di livello 4. I kit di guida autonoma di alto livello costano attualmente più di 70mila dollari. Ma con il tempo la standardizzazione, la semplificazione e la produzione di massa i costi saranno significativamente ridotti, con un conseguente calo previsto di oltre l’85%, a circa 10mila dollari, entro il 2030.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, non è tutto green ciò che luccica

Mercati, Volkswagen pronta a diventare leader nel settore delle auto elettriche

Investimenti, occasioni ghiotte da platino e palladio

NEWSLETTER
Iscriviti
X