Euro e sterlina ancora sugli scudi. Ecco le ragioni

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 17 Dicembre 2020 | 10:30

Clima agitato nel comparto valutario, dove si registrano nuovi massimi dell’euro nel cambio contro il dollaro Usa (Eur/Usd) dall’aprile del 2018 con quotazioni sopra 1,22 sulla scorta delle buone nuove arrivate dale stime flash dei Pmi manifatturieri.

Sul mercato Forex, da evidenziare poi come la sterlina si faccia ancora una volta interprete dei riscontri positivi sulla Brexit, portandosi questa mattina in area 1,35 contro dollaro malgrado vada evidenziato come tutti i colloqui abbiano abilmente dribblato il tema forse più spionoso del contenzioso, ovvero la situazione relativa ai servizi finanziari britannici.

Non un tema da poco dato che proprio il Regno Unito è il più grande esportatore di servizi finanziari al mondo, con un surplus del settore pari a 77 mld di dollari che sale a 102 mld se teniamo conto anche dei servizi accessori di natura legale o contabile, e di questi il 34,3% arriva proprio dall’Europa.

A cura di Wings Partners Sim

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Allarme Usa: deficit commerciale al top, lo stimolo fiscale va all’estero

Forex, la corsa dell’euro potrebbe aver bisogno di una breve pausa

L’oro brilla in scia all’import cinese. Tutti gli Etc sul lingotto a Piazza Affari

NEWSLETTER
Iscriviti
X