Gennaio, tempo di alta volatilità sui mercati

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 23 Dicembre 2020 | 10:30

A cura di Michael Palatiello, ad e strategist di Wings Parnters Sim

Mentre le case farmaceutiche frettolosamente stanno cercando di capire se i ritrovati vaccinali, già di per se frettolosamente apprestati, abbiano efficacia anche contro questa nuova variante, i mercati si imbarcano malamente ponendo apparentemente fine al ciclo rialzista che ha tenuto banco per gran parte di questo dicembre. Uno scenario che potrebbe anticipare il fatto che gennaio è il mese che tradizionalmente riserva la maggiore variazione in termini percentuali sui listini globali (e dato che il trend è stato fino a ora al rialzo, non sembra promettente).

Lunedì è stata la peggiore seduta dei listini azionari a far data da novembre trova un apparente eccezione solo negli States, dove l’approvazione del piano di stimolo da 900 mld di dollari attesa da tempo riesce a mantenere i mercati americani sulla linea di galleggiamento.

La pronta ripresa dei listini europei all’avvio delle contrattazioni mi induce a pensare che il sentiment rialzista sia ancora ben acceso sotto le braci del sell-off  di lunedì, e che molti ravvedano qui solo l’ennesima opportunità per accumulare posizioni approfittando di un inattesa sconto extra natalizio…

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati alle prese con il dilemma tra buy the dips e sell the rips

Mercati: il punto tecnico di Eugenio Sartorelli

Mercati: l’America First di Wall Street

NEWSLETTER
Iscriviti
X