Sartorelli (Siat): “Stop all’S&P500 solo con un Vix sopra 25 e Put/Call ratio oltre 1”

A
A
A
di Eugenio Sartorelli 28 Dicembre 2020 | 09:29

A cura di Eugenio Sartorelli, vice presidente e membro del comitato scientifico della Siat e strategist di Investimentivincenti.it

Vediamo cosa ci può dire il mercato delle opzioni (letto su base quantitativa) sul principale mercato azionario mondiale, ovvero l’S&P 500.

Ricordo che il mercato delle opzioni è un mercato formato da specialisti, i quali si posizionano in funzione di anticipare cosa potranno fare (o non fare) i mercati sottostanti. Inoltre il mercato Usa è quello dove si concentrano i maggiori volumi sulle opzioni.

Prima vedremo l’andamento della volatilità Implicita sull’S&P500 (dati giornalieri) – ovvero il Vix. Poi vedremo un ulteriore indicatore come il Put/Call ratio.

L’ultimo fatto notevole è stato il rialzo del Vix con il picco del 28 ottobre (vedi freccia blu) che è stato poco prima dell’ultimo minimo di rilievo del mercato il 30 ottobre (vedi freccia rossa). Da lì il Vix è sceso ed ha ben accompagnato la ripresa di forza dell’indice S&P500.

Attualmente il Vix (valore a 22,3) è intorno al suo livello medio a due anni (linea arancione) e poco sopra alla media di lungo periodo. Per avere una prosecuzione della forza dell’indice Usa è opportuno che il Vix si porti verso il valore di 20, che poi è la media di lungo periodo. Dal lato opposto valori oltre 25 sarebbero associati a fasi di tensioni e di correzione dei prezzi.

Un’ulteriore informazione possiamo averla dal rapporto del volume di Put e Call, il famoso Put/Call ratio. Vediamo il grafico che rappresenta una media mobile esponenziale a otto giorni di questa ratio:

Come vedete dalla figura, anche questo rapporto fa sovente massimi nelle vicinanze di minimi importanti di S&P500, mentre minimi di Put/Call ratio sono spesso vicino a massimi di mercato. Questo è da considerarsi un indicatore contrarian proprio come il Vix e va letto congiuntamente ad esso.

L‘ultimo picco massimo di questo indicatore è stato il 2 novembre (vedi freccia verde) ed ha confermato l’importanza del minimo di S&P500 del 30 ottobre. Da lì il Put/Call ratio è sceso e tranne un piccolo sussulto tra il 7 ed il 15 dicembre si rimane su valori bassi (intorno a 0,8) ovvero vicino alla banda bassa. Ciò conferma che siamo in una fase di sentiment favorevole ad una continuazione della forza dell’S&P500. Solo rapide salite di questa ratio verso 1 potrebbero portare a timori di un arresto della fase rialzista.

Tirando un po’ le somme, gli indicatori quantitativi legati al mercato delle opzioni ci ricordano che l’attuale fase è favorevole al rialzo dell’S&P500. Solo salite del Vix sopra 25 e Put/Call ratio sopra 1 direbbero che aumentano le tensioni e che la fase rialzista dell’S&P500 può subire un serio arresto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Euro/Dollaro prossimo a un test cruciale

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx 50 proseguono nel movimento a V

Mercati, Ftse Mib di fronte a un bivio

NEWSLETTER
Iscriviti
X