Usa, le banche autorizzate ufficialmente a utilizzare le stablecoin

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 5 Gennaio 2021 | 13:30

L’Occ (Office of the Comptroller of the Currency, organismo del Dipartimento del Tesoro Usa di controllo e vigilanza sulle banche), attraverso una lettera interpretativa, ha di fatto autorizzato gli istituti di credito statunitensi a utilizzare le stablecoin. Lo riporta The Cryptonomist, specificando che la lettera riguarda specificatamente l’ammissibilità a livello legale dei pagamenti che implicano l’utilizzo di nuove tecnologie, compreso l’uso di reti di verifica dei nodi indipendenti (Invn o reti) e stablecoin.

“Le banche nazionali e le associazioni federali di risparmio (denominate collettivamente ‘banche’) possono utilizzare nuove tecnologie, inclusi gli Invn e le relative stablecoin, per svolgere le funzioni consentite dalla banca, come le attività di pagamento”, si legge nella comunicazione dell’Occ, che fornisce una definizione di stablecoin come tipologia di criptovaluta progettata per avere un valore stabile rispetto ad altri tipi di criptovaluta o per essere supportata da valute fiat, come il dollaro Usa.

“Le stablecoin rappresentano un meccanismo per immagazzinare, trasferire, trasmettere e scambiare il valore della valuta fiat sottostante, tutti elementi fondamentali per facilitare le attività di pagamento”, scrive l’Occ, aggiungendo che gli Invn potrebbero essere più resilienti di altre reti di pagamento grazie all’elevato numero di nodi necessari per verificare le transazioni, che limiterebbe il rischio di manomissioni.

Dal momento che sono poche le blockchain supportate da migliaia di nodi, secondo The Cryptonomist il riferimento di questo passaggio sembra essere a rivolto in particolare a bitcoin ed ethereum, in particolare a quest’ultima per via del fatto che il maggior volume di scambio di stablecoin viene transato proprio sulla blockchain di ethereum.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Problemi in vista per le banche Usa?

Segnali positivi dalle banche Usa

Dividendi in crescita per le banche Usa

NEWSLETTER
Iscriviti
X