Directa chiude un 2020 in forte crescita

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 7 Gennaio 2021 | 10:50

Il 2020 per Directa è stato un anno caratterizzato da una crescita di volumi importante. Sul mercato azionario italiano il numero di ordini eseguiti ha segnato un incremento di oltre il 40%, con una performance superiore a quella degli ordini eseguiti di Borsa Italiana (+ 35,8%). I volumi intermediati hanno evidenziato un distacco ancora più eclatante, con una crescita del 17,4%, quasi doppia rispetto al mercato stesso, che ha realizzato un aumento del 9,6%. I mercati su cui si negoziano i principali futures hanno riportato un’espansione netta rispetto al 2019: Idem (+ 30,8%), Eurex (+ 38,8%) e Cme (+ 42,9%). Sui Cfd quotati su L-Max lo sviluppo è stato più contenuto ma pur sempre robusto, facendo segnare un + 23,2% del numero di contratti. Il vero e proprio boom, che non ha eguali nella storia di Directa, è avvenuto sui mercati azionari Usa, dove il numero complessivo di eseguiti è quasi quadruplicato, con un aumento finale del 273%.

Complessivamente gli ordini eseguiti sono aumentati del 53,3%. I conti aperti al 31 dicembre 2020 sono cresciuti del 33,5% arrivando a 35.669. Le banche convenzionate sono 160, erano 163 nel 2019: quest’anno sono avvenute due nuove convenzioni, una cessazione e alcuni accorpamenti.

“Il 2020 appena trascorso ha notevolmente favorito il settore del trading online: le persone, a causa dell’emergenza sanitaria, hanno velocemente incrementato il proprio approccio digitale a qualsiasi attività, e di conseguenza anche alla gestione dei risparmi”, commenta Vincenzo Tedeschi, amministratore delegato di Directa Sim. “Directa ha fatto meglio del mercato, ed il merito è dei suoi collaboratori, un team affiatato e professionale che ha saputo gestire l’emergenza pur assicurando elevati livelli qualitativi di servizio alla clientela. Il settore è in continua trasformazione, non tutti hanno superato indenni la tempesta; Directa invece si è rafforzata ed è ben posizionata per gestire al meglio le opportunità anche in questo 2021”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Anima, il 2020 non scalfisce il bilancio

NEWSLETTER
Iscriviti
X