Nicolas in gabbia

A
A
A
di Redazione 19 Aprile 2010 | 10:30
Continuano le difficoltà finanziarie dell’attore Cage

di Diana Bin

Nessuno vuole la villa di Bel Air dell’attore Nicolas Cage, che ultimamente sta svendendo tutti i suoi beni per cercare di ripagare i debiti da cui è sommerso. Nonostante il prezzo di vendita della tenuta – sul merato dal 2007 – sia stato progressivamente ridotto dai 35 milioni di dollari iniziali ai 17,5 milioni del 2009, nessun acquirente si è fatto avanti e nei giorni scorsi la proprietà è sata battuta all’asta ad un prezzo di partenza di 10,4 milioni di dollari. Ma, per dirla con delicatezza, anche questa volta la casa – dotata di sei camere da letto e nove bagni e appartenuta in passato a Tom Jones e Dean Martin – non ha incontrato i gusti di nessuno dei partecipanti e dopo qualche minuto la proprietà è tornata ad uno dei sei prestatori, che hanno crediti per un totale di 18 milioni di dollari sulla casa. Lo scorso ottobre l’agente immobiliare Bret Parsons, facendo vedere la tenuta di Bel Air a dei potenziali acquirenti, aveva descritto gli interni come “affascinanti e bizzarri”, sottolineando che “ci saranno 300 copertine di fumetti incorniciate e appese alle pareti”. Un trenino viaggia su binari sospesi a pochi metri dal soffitto, passando in sala da pranzo e in due delle camere da letto. Tra l’altro questa non è l’unica proprietà confiscata a Cage che, secondo la classifica stilata l’anno scorso da Forbes è il quinto attore più pagato degli Usa con un reddito di 40 milioni di dollari all’anno: solo oggi è andata all’asta, senza trovare acquirenti, anche la sua villa di Malibu. La star hollywoodiana, che ha debiti milionari con il fisco, verso privati, e nei confronti della a sua ex fidanzata (e madre di suo figlio) Christina Fulton, ha appena denunciato il suo ex manager per averlo portato alla bancarotta.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Trader o psicopatico? Il confine è sempre più labile

Un Natale di lusso

A un italiano il primo Apple della storia

NEWSLETTER
Iscriviti
X