M&A, nel post Covid si concentreranno in Technology, Consumer Goods e Ict

A
A
A
di Stefano Fossati 18 Gennaio 2021 | 16:30

Secondo il recente report Global M&A 2020 diffuso a livello internazionale da Dla Piper, il principale studio legale internazionale presente in Italia, tra gli effetti del Covid-19 si registrerà un importante incremento delle operazioni di M&A, in modo particolare nel momento in cui verranno meno i sostegni finanziari offerti e messi in campo dai vari governi.

Lo studio ha evidenziato nel report – condotto tramite sondaggio tra i partner dei Paesi in cui Dla Piper opera – che le operazioni condotte nel post Covid hanno prevalentemente riguardato i settori Technology (21%), Consumer goods, food & retail (17%) e Ict (13%), seguiti da Industrials (13%) e Life sciences (9%).

La pandemia ha infatti costretto le aziende a riconsiderare i propri modelli di business e ad adattarsi alle nuove esigenze di mercato. Questo ha indotto molti player a cercare di accelerare la loro attenzione sulla digitalizzazione e l’uso della tecnologia, rendendo le aziende tecnologiche quelle più attraenti per il mercato.

Anche il settore dei beni di consumo, alimentare e al dettaglio ha registrato un’attività significativa, con gran parte dell’attenzione che si è riscontrata nella sottocategoria alimentare, mentre si sono registrate poche operazioni di fusione e acquisizione in ambito retail. Altri settori attivi includono le infrastrutture, le costruzioni, i trasporti e il settore industriale. Sono state inoltre effettuate numerose transazioni significative nel settore delle Life Sciences, in particolare per gli asset farmaceutici di valore.

La maggior parte delle operazioni (il 67% di quelle esaminate) si è configurata come l’acquisizione della totalità delle azioni – o della maggioranza di esse – delle società target. Tuttavia, si tratta di una diminuzione del 15% rispetto al 2019. È interessante, e indicativo di come gli acquirenti abbiano cercato di abbassare il livello di rischio, il sensibile aumento delle operazioni per il controllo di quote di minoranza, pari al 15% del totale.

“Si è venuto a creare un mercato a due velocità – commenta Giulio Maroncelli, Location Head di Dla Piper Corporate Group in Italia – da una parte gli asset più attraenti, come tecnologia e farmaceutica, sono interessati da deal accelerati e con capitali ingenti, mentre in ambiti più sofferenti le trattative si allungano e si fatica a trovare un accordo. Questo divario probabilmente continuerà anche nel 2021. Nell’anno che inizia riteniamo che diminuiranno gli interventi statali a favore delle imprese: quando questi sostegni verranno meno, prevediamo un aumento di operazioni di M&A che interesseranno aziende oggi in difficoltà, ma pronte per un nuovo rilancio grazie all’ingresso di nuovi soci o a operazioni straordinarie”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Coppia d’assi per un nuovo bond

Fisco: dal Tax Day di Dla Piper emergono nuove sfide per imprese e stati

Regolamenti Intermediari, il punto di vista dei legali

NEWSLETTER
Iscriviti
X