News positive dagli Usa per le rinnovabili italiane

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 25 Gennaio 2021 | 10:00

Indicazioni positive per il settore delle utility dal nuovo commissario per l’ambiente Usa John Kerry (ex segretario di stato nell’amministrazione Obama) a valle del rientro degli Stati Uniti negli accordi di Parigi sul clima.

Nel dettaglio, secondo Kerry:

  • la dismissione dal carbone dovrà avvenire cinque volte più rapidamente
    rispetti ai ritmi attuali;
  • le rinnovabili dovranno crescere sei volte più velocemente;
  • la diffuzione delle auto elettriche dovrà avvenire 22 volte più
    velocemente.

“Si tratta di indicazioni positive per il settore delle utility – fanno notare gli analisti di Equita – e in particolare, tra le italiane, per Enel e Falk Renewables, attualmente le più esposte al mercato americano delle rinnovabili”.

Il quadro tecnico di Enel e Falk Renewables

Enel ha beneficiato di un rimbalzo tecnico dopo il test in area 8 euro del supporto dinamico ascendente di medio termine. Un movimento che potrebbe favorire la continuazione dell’uptrend di fondo in atto dallo scorso marzo e spingere i corsi prima in zona 9 e poi, eventualmente dopo una fase laterale di consolidamento, a segnare nuovi massimi storici.

Da rilevare poi che ai livelli attuali Enel vanta un rendimento del dividendo del 3,9%.

Falk Renewables si sta sonstanziamente muoverndo in trading range da inizio anno. Cruciale, la tenuta del supporto statico di breve a 6,50 euro. E solo oltre la resistenza a quota 7,10 il titolo riprenderebbe la via del rialzo con primi target a 7,40 e 7,80.

Il rendimento del dividendo è al momento dell’1%.       G.R.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, Lyxor punta al raddoppio della gamma ESG e climatici

Robeco: clima, diversity e retribuzione al centro delle politiche di voto degli investitori

Clima, l’emergenza coronavirus apre a prospettive migliori rispetto alla crisi del 2008

NEWSLETTER
Iscriviti
X