Utility, scenario positivo per alcuni titoli italiani delle rinnovabili

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 28 Gennaio 2021 | 10:00

Anche il quarto bando per la “capacità rinnovabile” in asta è andato deserto, un bando che ha visto ampliarsi ulteriormente la forchetta tra il contingente a disposizione e la capacità assegnata. Se infatti nel primo bando erano stati assegnati 587,5 MW su 730 MW a gara, nel secondo 521,6 su 872,46 MW e nel terzo 433,8 su 1.340,84 MW, nel quarto non si è andati oltre i 465,5 MW a fronte di un contingente di 1.881,6 MW (differenza che si sommerà alle prossime aste).

Nel Gruppo A (impianti eolici e fotovoltaici) sono state, nel dettaglio, soddisfatte 14 delle 19 domande presentate con l’assegnazione di 279,3 MW, 881,5 MW in meno rispetto ai 1.160,8 offerti.

Si tratta, a detta degli analisti di Equita, di una indicazione positiva per il settore in particolare per Erg che, con i progetti di repowering in corso ha l’opportunità di aggiudicarsi nelle prossime aste dei prezzi interessanti dovuti alla bassa offerta rispetto al contingente richiesto.

Scenario positivo, sempre a detta della Sim milanese, anche per Alerion e in misura minore per Falck Renewables ed Enel.

Certo, restano da verificare il prezzo medo di aggiudicazione, “ma riteniamo che considerati gli sconti massimi tra il 2% e il 3% sulla base d`asta possa essere intorno ai 60-65 €/MWh” concludono da Equita.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Rinnovabili, l’Ue alza al 55% il target sulla riduzione delle emissioni al 2030

L’Ue vota target ambientali più ambiziosi. Le utility che possono beneficiarne

Energie rinnovabili, copertura Sace da 4,2 mld. Le utility da monitorare

NEWSLETTER
Iscriviti
X