Cina, si restringe a ritmo sempre più serrato il gap con gli Usa

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 28 Gennaio 2021 | 12:30

Le azioni cinesi sono tornate a brillare nel 2020 grazie sia alla forte performance che a un universo di investimenti in crescita. Nonostante sia stato il primo Paese a confrontarsi con il Covid-19, la Cina è stata la prima nazione a uscire dalla pandemia e raggiungere la normalità. L’economia ha tenuto abbastanza bene in termini di spesa per consumi, investimenti e persino esportazioni nel corso dell’anno. Grazie alle misure di sostegno del governo in risposta al Covid-19, il consumo ha registrato una ripresa costante mese dopo mese ed era quasi tornato alla normalità entro la fine del 2020. Le vendite di auto, ad esempio, hanno registrato un – 43% a marzo ma erano già risalite al +13% in novembre”. Lo afferma Jasmine Kang, gestore del fondo Comgest Growth China di Comgest. Di seguito il suo commento sulla ripresa dell’economia della Cina.

L’apertura del mercato dei capitali è proseguita nel 2020. Con un apprezzamento di circa il 7% del renminbi, un’economia e un contesto di tassi di interesse stabili, il programma “Bond Connect” è stato accolto calorosamente dagli investitori esteri. Il mercato delle A-share ha continuato a ricevere afflussi di capitali internazionali dal lancio del programma Stock Connect Shanghai-Hong Kong alla fine del 2014. Riteniamo che questo megatrend continuerà per molti anni con il prosperare dell’economia cinese.

È sempre più chiaro che la Cina ha raggiunto il successo iniziale nella sua transizione da un’economia basata sulle esportazioni e sugli investimenti verso un’economia basata sui consumi e sui servizi. In questa economia in costante crescita, le imprese innovative sono impegnate a investire in ricerca e sviluppo e convertire rapidamente queste conoscenze per rispondere a grandi opportunità. Tra i brand nazionali che producono solide prospettive di crescita nonostante la pandemia emergono Anta Sports (abbigliamento sportivo), Midea (elettrodomestici) e Suofeiya (mobili su misura).

Nonostante il 30% degli ospedali siano stati chiusi durante i primi sei mesi dell’anno, Shandong Weigao – il più grande produttore di materiali di consumo medicali in Cina e uno dei principali attori in ortopedia – ha mostrato la sua capacità di recupero raggiungendo una crescita relativamente piatta. NetEase ha invece registrato un’ottima performance nel periodo. Il circolo virtuoso di assunzione dei migliori ingegneri, creativi e sales ha consentito di produrre alcuni dei videogiochi di maggior successo e quindi di continuare a guadagnare quote di mercato. Anche Man Wah ha registrato una crescita del 19% nei primi sei mesi dell’esercizio 2021 (da marzo a settembre), trainata dal 53% nel settore dell’arredamento domestico. La società ha inoltre potenziato il team di gestione assumendo un nuovo Ceo (ex Direttore Generale del Greater China Corporate Service Department di Microsoft). Midea ha realizzato un forte incremento delle quote di mercato interno e nella sua strategia di globalizzazione. La crescita del fatturato ha mostrato un costante miglioramento. La riforma della struttura aziendale, con una maggiore attenzione ai driver digitali e smart e l’accesso degli utenti, dovrebbe continuare a spianare la strada a una forte crescita a lungo termine.

Al contrario, il settore assicurativo nel suo complesso è risultato debole sotto il profilo operativo. Ci aspettavamo che la domanda per la protezione sarebbe stata solida, o forse anche forte, di fronte a una pandemia. Tuttavia, in parte influenzate dalla mancanza di meeting in presenza e in parte dalla necessità di flussi di cassa, le vendite di polizze sono state lente nel 2020. Il settore sanitario cinese è stato volatile durante il 2020 poiché il governo ha continuato a lavorare per ridurre i costi nel sistema.

Il divario del Pil tra Cina e Stati Uniti si sta riducendo a un ritmo più veloce del previsto. Entro la fine del 2020, la Cina ha raggiunto il 70% del livello del Pil degli Stati Uniti. Al contrario, il mercato dei capitali cinese è ancora relativamente sottosviluppato in termini di partecipazione delle istituzioni e ampiezza delle imprese quotate. Nel prossimo futuro, dovremmo vedere le azioni cinesi continuare a crescere e svilupparsi con una maggiore partecipazione delle istituzioni.

I nomi in crescita di qualità rimangono il nostro focus. Abbiamo fiducia nei proprietari e distributori di marchi forti in grado di far crescere il proprio business e il proprio flusso di cassa. Ci piacciono anche i player dominanti con forti pipeline di ricerca e sviluppo nel settore sanitario, dove le riduzioni dei prezzi dovrebbero portare ad aumenti di volume in un contesto di ingente quantità di domanda insoddisfatta come per Lepu Medical Technology, Shangdong Weigao e 3SBio. Siamo anche fiduciosi che le principali società internet continueranno a esplorare varie opportunità dalle tradizionali aree meno efficienti nella nostra vita quotidiana, tra cui Alibaba, Tencent e molti altri leader in mercati di nicchia, come Weibo e Joyy.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azionario, le A-share cinesi offrono buone opportunità di investimento

Azionario, investire nella Cina a 360 gradi

E se la guerra commerciale si spostasse in Borsa?

NEWSLETTER
Iscriviti
X