Azioni svizzere, torna l’equivalenza borsistica in UK. Accordi in vista tra le due Piazze finanziarie?

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 4 Febbraio 2021 | 10:00

Le azioni svizzere tornano a poter essere quotate anche sui listini azionari del Regno Unito dopo la firma dell’accordo sottoscritto tra la Confederazione elvetica e la Gran Bretagna sull’equivalenza borsistica, come indicato dall’Autorità Federale di Vigilanza sui Mercati Finanziari (FINMA) e come riportato dal sito web della Rsi.

Nell’estate del 2019 la Commissione europea aveva negato l’equivalenza della Borsa svizzera a causa della mancanza di progressi nei negoziati sull’accordo quadro. La mossa dell’Unione Europea, più che altro politica, portò il Consiglio federale a vietare il commercio di azioni elvetiche sulla piazza finanziaria europea.

In scia scia della Brexit, Berna e Londra hanno ora siglato un accordo con il quale le autorità britanniche riconoscono la validità delle regolamentazioni svizzere in materia borsistica e il Dipartimento federale delle finanze ha rimosso mercoledì il Regno Unito dalla lista delle sedi vietate per la compravendita di titoli svizzeri.

Secondo l’Associazione svizzera dei banchieri l’accordo è da salutare positivamente in quanto spiana la strada ad eventuali futuri accordi tra due piazze finanziarie importanti, entrambe fuori dall’Unione Europea.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Saipem allunga il passo a Piazza Affari. I prossimi target tecnici

Vola il Ftse 100 dopo l’accordo sulla Brexit

Usa, le discussioni sugli stimoli fiscali spingono anche le small cap

NEWSLETTER
Iscriviti
X