Bper, torna il dividendo. “M&A? Prima l’integrazione degli sportelli ex Ubi”

A
A
A
di Stefano Fossati 4 Febbraio 2021 | 12:00

Bper ha chiuso il 2020 con un utile netto di 245,7 milioni di euro a fronte dei 380 milioni del 2019, che beneficiavano però dell’impatto dell’acquisizione di Unipol Banca. Nel quarto trimestre l’utile è stato di 45 milioni (contro una perdita di 143 milioni nello stesso periodo dell’anno precedente). L’istituto emiliano distribuirà un dividendo cash di 4 centesimi per azione nel “pieno rispetto delle linee guida della Bce”, contro contro gli 0,14 euro proposti un anno fa e poi bloccati dalla Banca Centrale Europea.

Per quanto riguarda il tema M&A, che vede da tempo Bper al centro di rumors e ipotesi, l’AD Alessandro Vandelli ha detto di essere aperto a possibili nuove aggregazioni, aggiungendo però che ora il focus della banca è solo sull’integrazione dei 587 sportelli ex Ubi Banca acquisiti da Intesa Sanpaolo, dopodiché “se ci saranno le condizioni analizzeremo ulteriori potenziali operazioni di M&A”.

Commentando i conti, Vandelli ha detto che “la posizione patrimoniale si conferma estremamente solida con un CET1 ratio fully loaded pro-forma pari al 15,90%; scorporando l’impatto dell’aumento di capitale, il CET1 ratio fully loaded pro-forma si attesta al 13,52%, in significativo progresso dal dato al 31 dicembre 2019 (12,01%). Il buffer di liquidità cresce in modo rilevante arrivando a sfiorare 20 miliardi. Mi preme inoltre sottolineare – ha aggiunto Vandelli – un ulteriore importante passo in avanti nel miglioramento della qualità del credito, con una decisa contrazione dello stock dei crediti deteriorati lordi e netti rispettivamente del 29,1% e del 29,0% da fine 2019 che ha determinato, al contempo, la significativa diminuzione dell’Npe ratio lordo e netto rispettivamente al 7,8% e al 4,0%, i livelli più bassi degli ultimi 12 anni. Alla luce di questi elementi, esprimo grande fiducia nelle prospettive di crescita del gruppo“.

L’istituto sta lavorando a una cessione di crediti Utp per 400-450 milioni di euro che dovrebbe essere chiusa entro la fine del primo trimestre, mentre l’Npe ratio lordo è atteso in ulteriore calo intorno al 6%, ha aggiunto l’AD.

Il quadro tecnico di Bper

Bper è stato ieri respinto in area 1,68 euro dalla trendline discendente che dall’inizio dello scorso mese di giugno impedisce ai corsi di intraprendere uno stabile uptrend. Ma se la media mobile a 21 sedute, al momento passante per quota 1,60, si dimostrerà un valido sostegno il titolo potrebbe nuovamente attaccare la suddetta resistenza a 1,68 e allungare poi eventualmente il passo verso l’area 1,80/1,86 euro.

Stop loss invece, molto rigido, da posizionare a quota 1,60.

Il trend di Bper a Piazza Affari nel medio termine

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il risiko italiano sotto la lente di Equita

Risiko Banche, occhi puntati su Unicredit

Unicredit, cosa c’è sul Banco

NEWSLETTER
Iscriviti
X