PayPal: entro fine marzo i pagamenti in criptovalute

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 8 Febbraio 2021 | 12:00

L’ad di PayPal, Dan Schulman, ha annunciato che entro la fine del primo trimestre di quest’anno la società lancerà sul mercato il servizio di pagamenti con criptovalute, e tutte le funzionalità crypto già esistenti, ovvero acquisto, vendita e conservazione, verranno estese anche al di fuori degli Usa nei mesi successivi, come riportato da Cryptonomist.ch.

La dichiarazione è avvenuta durante la earnings call del Q4 2020, durante la quale nel dettaglio l’ad ha affermato:  “Abbiamo visto una risposta eccezionale dal nostro lancio dei servizi sulle criptovalute. Anche con aspettative iniziali elevate, il volume di criptovalute scambiato sulla nostra piattaforma ha ampiamente superato le nostre previsioni. Siamo entusiasti di sfruttare questo successo iniziale consentendo ai clienti di utilizzare il loro saldo crypto come fonte di finanziamento ogni volta che fanno acquisti presso i nostri 29 milioni di commercianti. Prevediamo che il lancio di tale opzione inizi alla fine di questo trimestre e speriamo di lanciare il nostro primo mercato internazionale nei prossimi mesi. Questi passaggi iniziali sono solo l’inizio di un’ampia roadmap su criptovalute, blockchain e valute digitali. Stiamo già lavorando con le autorità di regolamentazione delle banche centrali per reinventare e plasmare la prossima generazione del sistema finanziario poiché i consumatori non desiderano più gestire il contante”.

Inoltre ha rivelato che gli utenti che stanno usando PayPal per le criptovalute stanno aprendo la loro app PayPal due volte più di quanto non facessero in precedenza.

In questo momento tali funzionalità sono disponibili solo per gli utenti statunitensi, e prevedono la possibilità di acquistare, conservare e vendere criptovalute.

Entro marzo i pagamenti in criptovalute con Paypal

Ma entro fine marzo verrà aggiunta la funzionalità che consentirà agli utenti che posseggono criptovalute su PayPal di utilizzarle anche per effettuare comuni pagamenti in valuta fiat. 

Infatti PayPal non consente di inviare direttamente i token dalla propria app ad un indirizzo pubblico sulla blockchain, ma consentirà di utilizzare i token detenuti dagli utenti per finanziare normali pagamenti in valuta fiat grazie ad una conversione immediata ed automatica.

In altre parole al posto che attingere dal loro saldo in valuta fiat, da una carta di credito o debito, o da un conto corrente bancario, potranno attingere fondi anche dai loro saldi in criptovalute nel momento in cui invieranno valuta fiat a qualcuno.

Inoltre tutte queste funzionalità nei prossimi mesi verranno abilitate anche ad utenti al di fuori degli Stati Uniti, sebbene Schulman non abbia rivelato quando.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Criptovalute: Diem, la nuova moneta di Facebook, pronta al lancio negli Usa

Banche, anche Ubs studia di offrire le criptovalute ai clienti

Criptovalute, Lagarde: “Servono solo al riciclaggio, vanno regolamentate”

NEWSLETTER
Iscriviti
X