Cina, domanda interna e investimenti sull’industria tecnologica guideranno la crescita

A
A
A
di Stefano Fossati 10 Febbraio 2021 | 16:30

“Il nuovo anno del Bue che inizia venerdì prossimo (12 febbraio) è di buon auspicio per la Cina: il Fondo Monetario Internazionale prevede che la sua crescita economica sarà dell’8,1% nel 2021 e del 5,6% circa nel 2022. Questo supera le aspettative di produzione mondiale del 5,5% nel 2021 e del 4,2% nel 2022 e le aspettative per gli Stati Uniti del 5,1% e del 2,5% rispettivamente. Con prospettive così positive, la Cina potrebbe essere in grado di disaccoppiare con successo le sue catene di approvvigionamento dai i suoi principali partner commerciali senza danneggiare la sua economia?

Gli analisti di NN Investment Partners ritengono che l’attuale “disaccoppiamento tecnologico” con gli Stati Uniti continuerà sotto il presidente Biden. Inoltre, la Cina ha dichiarato nel suo ultimo 14° piano quinquennale che intende concentrarsi meno sul commercio internazionale. Invece, il governo si concentrerà sull’aumento della domanda interna e sugli investimenti nella sua industria tecnologica per guidare la crescita.

La Cina continuerà anche la cooperazione economica con l’Unione Europea, con la quale ha firmato il Cai – Comprehensive Agreement on Investment a dicembre, mentre le catene di approvvigionamento regionali saranno rafforzate con il resto dell’Asia attraverso il Regional Comprehensive Economic Partnership che è stato firmato nel novembre 2020.

NN IP nota che due sviluppi saranno importanti per la crescita futura della Cina. In primo luogo, la continuazione dell’iniziativa Belt and Road che mira a collegare l’Asia con l’Africa e l’Europa per il commercio e l’integrazione e, ancora più importante, l’impegno a raggiungere la neutralità di carbonio entro il 2060, che aprirà immense opportunità legate alle nuove tecnologie verdi in cui la Cina è leader.

“La Cina è stata in grado di riprendersi rapidamente perché ha controllato velocemente la pandemia, il che le ha permesso di colmare il vuoto causato dalle strozzature della produzione nei paesi in cui erano ancora in vigore le restrizioni di Covid 19. Ha ottenuto una crescita delle esportazioni eccezionalmente forte, che comprendeva articoli legati al Covid come le maschere facciali. La spettacolare performance delle esportazioni fornisce un comodo ponte dalla protezione della crescita nell’ambiente di crisi globale e nel futuro processo di riequilibrio strategico”, spiega Marcin Adamczyk, Head of Emerging Market Debt, NN Investment Partners.

Continua Adamczyk: “La crescita economica della Cina dovrebbe superare nettamente quella degli Stati Uniti e invece di essere uno stato petrolifero, la Repubblica Popolare potrebbe diventare un ‘elettro-stato’, con le imprese cinesi che oggi producono più del 70% dei moduli solari del mondo, il 69% delle batterie agli ioni di litio e il 45% delle turbine eoliche. Controllano anche gran parte della raffinazione dei minerali essenziali per l’energia pulita, come il cobalto e il litio. L’opportunità per la Cina di disaccoppiare in modo positivo è davvero possibile”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, da KraneShares uno strumento per investire sugli unicorni cinesi

Asset allocation, Cina e India: outlook positivi ma con le dovute differenze

Asset allocation: la Cina oltre le A-Shares

NEWSLETTER
Iscriviti
X