Disoccupazione, livello record dal 2002

A
A
A

L’Istat rileva per l’Italia un tasso di disoccupazione a quota 8,8%, la percentuale più alta mai raggiunta da otto anni a questa parte.

di Redazione30 aprile 2010 | 13:00

Il tasso di disoccupazione in Italia nel mese di marzo raggiunge quota 8,8%, il livello più alto dal 2002, all’interno di una congiuntura economica che porterà l’Italia a bruciare posti di lavoro per gran parte del 2010, secondo gli economisti.

Secondo l’Istat, il tasso di disoccupazione sale di due decimi di punto rispetto a marzo e di un punto percentuale su febbraio 2009, quando era pari al 7,8%.

Il dato è superiore alla mediana delle stime raccolte da Reuters tra gli analisti, che indicava un tasso all’8,6% come in febbraio (rivisto però dall’8,5% della stima preliminare).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Usa: mercato del lavoro sempre più forte

Istat: a settembre meno disoccupati, ma anche meno occupati

Ti può anche interessare

La nuova lettera UE alza l’allarme debito

Una nuova missiva europea riaccende la discussione del deficit ...

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Percorso di educazione finanziaria online realizzato da Adiconsum nell’ambito del programma Noi&am ...

All’Italia non basta la ricchezza delle famiglie

La ricchezza privata delle famiglie non garantisce stabilità macroeconomica al nostro Paese. ...