Consob, meno conflitti con la riforma degli incarichi di amministrazione e controllo

A
A
A

Sono stati comunicati i risultati delle comunicazioni sul S.A.I.V.I.C. (Sistema Automatico. Integrato Vigilanza Incarichi di Controllo e Amministrazione) sul limite al cumulo delle mansioni di amministrazione e controllo; in rilievo la diminuzione dei plurimandati.

di Redazione30 aprile 2010 | 14:45

Con l’emanazione del regolamento in materia di limiti al cumulo degli incarichi dei componenti degli organi di controllo degli emittenti quotati e con strumenti diffusi, si è data attuazione operativa al disposto dell’art. 148-bis del TUF, la cui introduzione rispondeva ad uno specifico interesse del legislatore: garantire la disponibilità da parte dei professionisti incaricati di un tempo adeguato per lo svolgimento degli incarichi di controllo presso gli emittenti e così contribuire ad un generale innalzamento della qualità dell’attività svolta da tali organi societari. In tale prospettiva è stata individuata una soluzione che, sia pure in un’ottica di semplificazione, tenesse conto delle possibili combinazioni tra le diverse tipologie di incarico (sindaco, amministratore, etc.) che il membro di un organo di controllo di un emittente può assumere in differenti categorie di società di capitali.

L’esperienza maturata a seguito dell’avvio, avvenuto nel settembre 2008, del sistema automatico di rilevazione delle informazioni (S.A.I.V.I.C.), ha permesso di svolgere una prima analisi della situazione del mercato dopo l’introduzione dei limiti al cumulo degli incarichi. Tale analisi si basa sulle dichiarazioni annuali del 2008 (avente ad oggetto la situazione degli incarichi al 30 agosto 2008 e resa tra il 1° e il 30 settembre 2008) e del 2009 (avente ad oggetto la situazione degli incarichi al 30 giugno 2009 e resa tra il 1° e il 15 luglio 2009). Inoltre, sono state prese in considerazione anche le dichiarazioni di aggiornamento rese tra le due dichiarazioni annuali (1° ottobre 2008 – 30 giugno 2009) e quelle rese successivamente alla seconda dichiarazione (16 luglio 2009 – 31 gennaio 2010).

Dall’esame delle comunicazioni effettuate dai componenti degli organi di controllo, raffrontate con la situazione precedente all’entrata in vigore della normativa in parola (febbraio 2007), è possibile affermare che l’effetto ricercato si sia realizzato; infatti, si è rilevata:
– una riduzione degli incarichi ricoperti dai singoli componenti. In particolare si riscontra:
– una contrazione del numero medio di incarichi svolti dai professionisti interessati (il valore è sceso dal 19,2 del 2007 al 14,4 del 2008 e al 12,5 del 2009);
– una riduzione dei soggetti che hanno più di 30 incarichi (dal 20,5% del 2007 all’8,4% del 2008 e al 4,0% del 2009);
– la riduzione del peso percentuale dei soggetti che hanno un numero di incarichi doppio rispetto a quello medio (passati, rispettivamente dal 9% del 2007 all’8,5% del 2008 a meno del 4% del 2009);
– una forte riduzione del numero massimo di incarichi di amministrazione e controllo complessivamente ricoperti da un singolo soggetto (rispettivamente, 108 nel 2007, 71 nel 2008 e 62 nel 2009);
– una riduzione del valore medio del cumulo degli incarichi (limite massimo di 6 punti) passato da 3,1 punti del 2008 a 2,95 punti nel 2009;
– l’incremento del numero di professionisti presenti negli organi di controllo degli emittenti e quindi il maggior grado di apertura dell’industria verso la professione.
Inoltre, l’incremento costante della frequenza con cui vengono inviate le dichiarazioni di aggiornamento indica la propensione dei componenti ad adottare, anche ove non espressamente richiesto, un sistema di comunicazione “nel continuo” che integra quello “nel discreto” imposto attraverso l’obbligo della dichiarazione annuale:
– tra la prima e la seconda dichiarazione annuale (periodo dal 1° ottobre 2008 al 30 giugno 2009) le dichiarazioni di aggiornamento, rese da 725 componenti, sono state 1.151, con una media giornaliera di circa 6 dichiarazioni;
– successivamente alla seconda dichiarazione annuale (periodo dal 16 luglio 2009 al 31 gennaio 2010) le dichiarazioni di aggiornamento sono state 1.092 rese da 719 componenti, con una media giornaliera di circa 8 dichiarazioni.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, l’asset manager italiano compra a Dublino

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Violazioni assortite, radiato ex Mediolanum

Gestione di portafogli abusiva, arriva la doppia sanzione

Siti sospetti, ecco le segnalazioni Consob

Consob: ecco i doveri dei giornalisti finanziari

Arriva la delibera Consob, Vigilanza all’Ocf dal 2 luglio

Stop di due mesi per un ex Fineco

Gli investimenti sono (non solo) un gioco

La Consob sanziona una società abusiva

Operazioni sospette, sospeso un ex Credem

Sospetti di appropriazione indebita, sospeso un ex cf di Banca Mediolanum

Sorgente Sgr, ricorso in appello contro le multe Consob

Raffica di multe, Sorgente Sgr ricorre

Co.Mo.I. Sim cancellata dall’albo

Società abusive, gli altolà della Consob

La Consob colpisce a Perugia: radiato ex Fineco

Via libera Consob: nasce il Comitato degli operatori di mercato e degli investitori

Stop di 60 giorni per un cf ex Credem

Consob e la macchina delle sanzioni

Le nuove regole dei servizi d’investimento, facciamo il punto

False rendicontazioni, stop per 4 mesi a un ex Widiba

La scure della Consob su un ex Sanpaolo Invest

Consob day: rivivi il discorso di Mario Nava

Un nuovo segretario generale per Consob

Consob, meno sanzioni per i cf

Nava (Consob): “Più azioni e meno titoli di debito nei portafogli”

CariCesena, respinti i ricorsi degli ex vertici

Popolare di Vicenza, respinte le opposizioni

Trading online, triplice stop della Consob

Firme false e altri addebiti, sospeso ex Fideuram Ispb

Consob e Bankitalia, attenzione al phishing

Treviso, stop per quattro mesi a un cf Fideuram Ispb

Ti può anche interessare

Ambrosetti Am Sim, accordo con Optima Sim

Lo scopo è quello di arricchire l’offerta del gruppo Bper mediante tre linee di gestione patrimo ...

Se il credito deteriorato si trasforma in bond

Emissione legata agli npl con scadenza nel 2023 e rendimento del 7% . ...

Perrott (Ubs Am): “Perché crediamo ancora nelle obbligazioni asiatiche”

Intervista al responsabile del fixed income per i mercati orientali di Ubs Asset Management ...