Pirelli, gli analisti promuovono lo spin-off

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Maggio 2010 | 15:00
Per i brokers ridurrà il discount holding che pesa sul titolo della società. In conference call Tronchetti ha confermato l’entrata di Unicredit nel capitale del ramo immobiliare e escluso possibili interesse da parte dei fratelli Degennaro

Gli analisti promuovono lo spin off delle attività immobiliari di Pirelli. Intermonte ha alzato la raccomandazione da Neutral a Outperform (con target price a 0,5 euro), sostenendo che l’operazione “accresce la credibilità del management”. Per Equita il titolo di Pirelli & C., dopo lo spin-off, diventerà “il più cheap del settore”, mentre Ubs si attende “una reazione positiva dall’operazione, che per il momento non è ancora incorporata nei valori di borsa”. Centrobanca conferma giudizio buy a 5 euro, e si attende, assieme agli altri broker, una riduzione dell’holding discount, lo “sconto” tipico dei conglomerati che per Pirelli, attualmente, si aggira attorno al 28% del Nav.

Durante la conference call di quest’oggi, il presidente Marco Tronchetti Provera è tornato sulle modalità dell’operazione, precisando che l’aumento di capitale per Pirelli Re (che accompagnerà lo spin-off) sarà di 20 milioni di euro. Unicredit e Mediobanca (che già fa parte dell’azionariato di Pirelli & C.) parteciperanno all’aumento e potrebbero fare parte del nuovo accordo parasociale su Pirelli Re, da cui però dovrebbero essere esclusi Fonsai, Allianz e Sinpar. A precisarlo è stato lo stesso Tronchetti: “Fonsai, Allianz e Lucchini (che partecipa con Sinpar) non dovrebbero farne parte – ha detto – gli altri hanno manifestato interesse a partecipare. Anche Mediobanca e il nuovo futuro socio Unicredito “hanno manifestato interesse a essere parte del patto”. 

Tronchetti ha infine smentito le indiscrezioni, circolate recentemente, di una possibile entrata nel capitale del ramo immobiliare da parte degli imprenditori pugliesi Emanuele e Davide Degennaro (gli stessi che tramite la Fire srl a marzo avevano acquistato il 2% di Aedes) e dell’immobiliarista Vittorio Casale coinvolto dallo scandalo dei ‘furbetti del quartierino’): “Non ci sono trattative in corso – ha commentato – qualsiasi cosa si legga è senza significato, sono solo ‘rumors'”.

Gli azionisti del patto Pirelli sono: Camfin, (con il 20,32% del capitale), Mediobanca, (4,61%), Edizione (4,61%), Fondiaria-Sai (4,42%), Allianz (4,41%), Generali (4,41%), Intesa Sanpaolo (1,62%), Massimo Moratti (1,19%), Sinpar (0,63%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pirelli, al via lo spinoff del mattone

Pirelli, domani lo scorporo dell’immobiliare

Pirelli Re, avvio scissione prima dell’estate

NEWSLETTER
Iscriviti
X