S&P Global Ratings: la volatilità è destinata a rimenere alta sugli emergenti

A
A
A
di Luca Spoldi 22 Marzo 2017 | 11:31

EMERGENTI, QUADRO RESTA VOLATILE ANCHE IN EMEA– Quali sono le prospettive per le economia emergenti all’interno dell’area Europa-Medio Oriente e Africa (Emea)? Secondo gli esperti di S&P Global Ratings le condizioni finanziarie esterne restano contraddistinte da una elevata volatilità, con gli investitori esteri che continuamente ribadiscono l’attrattività dei mercati emergenti alla luce delle sempre mutevoli aspettative sul sentiero che seguiranno i tassi di interesse negli Usa e negli altri mercati sviluppati.

PESERANNO DIVERGENZE DI POLITICA MONETARIA – Una tale frequente rivalutazione, sottolineano gli esperti di S&P Global Ratings, ha portato ad afflussi e deflussi continui di capitali globali verso e dai mercati emergenti, generando volatilità sulle loro valute, sui bond e sui mercati azionari. Dopo le elezioni americane, ad esempio, i mercati emergenti sono calati ma sono poi tornati a risalire tra dicembre e febbraio con afflussi netti pari a 29 miliardi di dollari sui bond emergenti e a 14 miliardi di dollari sui mercati azionari. Ora gli uomini di S&P Global Ratings si attendono politiche monetarie divergenti tra le Federal Reserve e la Banca centrale europea, combinate ad una incertezza circa gli stimoli fiscali dell’amministrazione Trump.

PREVEDIBILI MUTAMENTI REPENTINI DEL SENTIMENT – Il risultato potrebbe essere una continua volatilità dei flussi di capitale per i mercati emergenti, mentre per quelli dell’area Emea in particolare (come Russia, Turchia e Sud Africa) potrebbero pesare circostanze specifiche, come le prospettive economiche, gli sviluppi politici interni e le incertezze geopolitiche, tali da continuamente modificare il sentiment degli investitori. Parola d’ordine resta dunque “prudenza”, a fronte di un quadro che si prevede destinato a rimanere molto volatile e soggetto a cambiamenti repentini, positivi o negativi che siano.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti