Ixretail sales in arrivo

A
A
A
Avatar di Redazione 14 Maggio 2010 | 07:00
Preoccupazioni circa l’impatto della crisi dei debiti sovrani sulla crescita globale ha innescato ancora una giornata di avversione al rischio sui mercati.

L’euro e la sterlina hanno sofferto entrambi contro il USD, la quale invece ha perso terreno contro lo Yen. Il commodity block (in gergo, “Comm Dollars”), sono rimasti sorprendentemente stabili ma hanno dovuto cedere verso la fine della giornata di trading new yorkese. Il fatto che lo Yen è stata la valuta più performante conferma che gli investitori sono ancora nervosi e, a nostro parere, hanno anche ragione perché non ci sono prospettive molto rosee per le vendite al dettaglio USA di oggi.

Il Portogallo sta annunciando piani nuovi per ridurre il deficit, ma invece di una iniezione di ottimismo, questa misura ha generato perplessità sul futuro della ripresa e della “crescita” (se così si potrà chiamare) dell’eurozona. L’unica speranza per entrare nel weekend a cuor “leggero” rimane il dato sulle vendite al dettaglio di oggi. Se l’economia USA è in salute, potremmo dire che almeno un’area geografica non è nello status di “defcon 3” (passateci il termine militaresco).

Sfortunatamente, come preannunciato prima, i report del Redbook e dell’International Council of Shopping Centers, le vendite al dettaglio in aprile forse hanno subito un rallentamento.

Marzo è stato un mese buono, spinto anche dalle vacanze pasquali, ma aprile è rimasto forse sotto tono. Se dovesse uscire un numero sgradevole, stiamo pronti a cercare opportunità di vendita nel UsdJpy che è il cambio più reattivo sui dati USA. Se usate l’indicatore News.lua di cui parlavamo nella settimana addietro, potete anche visualizzare direttamente sul grafico il momento dell’uscita e reagire prontamente (chiamateci pure per spiegazioni a riguardo).

Nel frattempo l’Euro è sceso ad un nuovo minimo e ha sfiorato 1,2500. Una rottura di 1,2500 poterebbe l’euro al minimo dal 2 marzo 2009 e il minimo da quattro anni a questa parte, 1,2330, non è lontano.  Ieri i dati UK non hanno dato sostegno nemmeno alla sterlina: un deficit commerciale peggiore del previsto ed il tono più crudo del previsto sull’Inflation Report hanno tolto il sostegno alla valuta inglese.

Nonostante la debolezza della sterlina, le esportazioni non sono riuscite a sovrastare le importazioni: le esportazioni sono salite al livello più alto dal 2008 ma le importazioni sono arrivate al livello più alto da 18 mesi, superando di 1% le esportazioni.

A questo punto il livello che adocchiamo per la sterlina è 1,4476 (minimo da un anno a questa parte). Vogliamo parlare di cose belle? Guardiamo all’Australia: la forza del mercato lavorativo della terra dei canguri, di Casey Stoner e Troy Bayliss ha tenuto a galla da sola il commodity block e la RBA è stata la prima banca a uscire dal regime di “tassi 0”. Tanto coraggio e determinazione che vengono ripagate.

UsdCad vs. USOil – Grafico 5 minuti

Passando all’analisi tecnica, meno male che abbiamo l’SSI: i recenti movimenti tra long e short sono indicativi dei prossimi trend di giornata e abbiamo registrato spostamenti significativi. Partiamo dal UsdCad: il 71% dei trader sono lunghi, con un 18% che si sono tolti dalle posizioni short.

Come sappiamo, l’SSI è contrarian e quindi punta a ribasso. Questo è confermato dal grafico oggi in mattinata: durante la notte è rimasto compreso tra 1,0230 e 1,0210 e quindi guardiamo ad una rottura di tali livelli, che in base all’SSI potrebbe avvenire più a ribasso che a rialzo.

Nel caso di un ribasso, 1,0180 è il primo livello importante e sotto c’è l’1,0155 mentre sopra, nel caso di un break out a rialzo, abbiamo 1,0250. Discorso più o meno opposto per l’Euro, che sembra avere forza a rialzo e ha rotto il massimo della notte, che era posizionato a 1,2550 e ora l’euro punta al pivot di giornata a 1,2578.

Per quanto concerne il vincitore di ieri, lo Jpy, abbiamo un UsdJpy che punta a 93,00 che è il pivot di giornata, e anche un livello di resistenza importante. Rotture in tal senso possono portare ad un 93,20 con estensioni a 93,40. Sotto abbiamo solo il 92,50 come supporto quindi occhio alle discese che, se rompessero 92,50 vedrebbero un UsdJpy in discesa libera.

EurGbp ha una situazione anch’essa di possibile break out e i livelli importanti sono il 0,8600 sopra e 0,8560 sotto.
Come al solito, facciamo trading su quello che vediamo e non su quello che crediamo di sapere.

Ricordiamo che oggi è l’ultimo giorno dell’Italian Trading Forum di Rimini, quindi se siete nei pressi di rimini venite a trovare il nostro team!

:::::::::

Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilità per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall’uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento è soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed è previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l’accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l’esattezza e non accetta alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacità di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non è destinato alla distribuzione, o all’utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l’uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

NEWSLETTER
Iscriviti
X