Euro, giù ai livelli di marzo 2009

A
A
A
di Redazione 14 Maggio 2010 | 09:30
La moneta unica perde ancora un punto rispetto a ieri e tocca quota 1,25 dollari, il livello più basso mai raggiunto da 14 mesi.

Il piano di salvataggio varato dall’Unione Europea continua a far male alla valuta unica che non cessa di indebolirsi sul mercato dei cambi.

Stamattina, per la prima volta dal marzo del 2009, l’euro è calato sotto quota 1,25 dollari, tendenza che risente anche delle misure eccezionali di stabilizzazione dei mercati messe in campo dalla Bce e che, secondo alcuni analisti, implicano un possibile slittamento dei futuri rialzi dei tassi di interesse.

Il presidente della banca centrale Jean-Claude Trichet ha comunque ribadito che l’istituzione effettuerà degli interventi correttivi volte ad evitare che alcune misure, come gli acquisti di titoli di strato, possano dare origine e distorsioni della sua politica monetaria: “non tollereremo inflazione”, ha affermato Trichet.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: fin che la barca va…

Bce: tassi invariati ma ridotto il ritmo del Pepp

Criptovalute, Lagarde: “Sull’Euro digitale due anni per decidere”

NEWSLETTER
Iscriviti
X