Bce: all’ultima asta Tltro protagoniste ancora una volta le banche italiane

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi24 marzo 2017 | 11:00

UNICREDIT RACCOGLIE 24,4 MILIARDI – Unicredit da sola ha raccolto complessivamente 24,4 miliardi di euro nell’asta della Bce, nell’ambito del programma TLtro II conclusosi ieri. Di questi 15,5 miliardi sono andati alla branch italiana, 5,6 miliardi a UniCredit Bank AG, 3 miliardi a UniCredit Bank Austria e ulteriori 300 milioni alle branch in Repubblica Ceca, Slovacchia e Slovenia.

TLTRO PROGRAMMA MOLTO VANTAGGIOSO – Il programma Tltro, notano gli analisti di Websim stamane, si è rivelato “uno strumento di finanziamento molto vantaggioso per le banche” europee, visto che consente di finanziarsi a quattro anni ad un costo nullo che potrebbe persino diventare negativo (-0,4%) nel caso in cui le banche siano in grado di raggiungere determinati obiettivi di crescita dei prestiti.

A BANCHE ITALIANE IL 27,78% DEI FONDI – Come già nel caso delle precedenti aste, anche in quest’ultimo appuntamento gli istituti italiani hanno giocato un ruolo di primo piano, con 63 miliardi di euro di richieste complessive (54,1 miliardi escludendo la quota estera della richiesta di Unicredit) a fronte di 223,5 miliardi assegnati, pari al 24,1% del totale. In tutto, ricordano ancora gli analisti di Websim, le banche italiane hanno richiesto nelle varie aste Tltro 216,8 miliardi di euro, pari al 27,78% dei 780,4 miliardi assegnati in totale.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le pagelline dei conti delle reti (quotate)

Un appello a Di Maio per parlare anche di consulenza

Finanziamenti, nel 2018 piccolo è meglio

Banche, quanti tagli alle filiali

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Ti può anche interessare

Tentori (Axa IM): “Ottimisti sul Btp”

Le previsioni sul 2018 del chief investment officer della casa di gestione ...

Lombard Odier al fianco della Croce Rossa

Il “Programme for Humanitarian Impact Investment (PHII)” è la prima operazione al mondo di pres ...

Nuova edizione 2018 per il corso “Da European Financial Advisor a European Financial Planner” di Teseo

IL PERCORSO – “Da European Financial Advisor a European Financial Planner”: torna a partir ...