La Brexit costerà caro al Regno Unito e alle sue banche

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi24 marzo 2017 | 15:44

BREXIT AMARA PER LE BANCHE INGLESI – Brutte notizie per le banche britanniche: secondo quanto annunciato oggi la Bank of England sta programmando un incremento delle commissioni che pagano gli istituti britannici per recuperare 5,4 milioni di sterline di maggiori costi regolatori associate alla Brexit. Ma l’aumento delle commissioni da versare alla banca centrale inglese non è che la punta dell’iceberg.

USCIRE DALLA UE COSTERA’ 58 MILIARDI DI EURO – Secondo il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, la Gran Bretagna potrebbe finire col pagare 50 miliardi di sterline (circa 58 miliardi di euro) quando uscirà dalla Ue, non perché vi sia alcuna volontà punitiva da parte del blocco europeo, ma perché deve essere chiaro che qualunque altro paese volesse imitare il Regno Unito non potrà farlo senza dover pagare a sua volta un conto salato.

LONDRA PUNTA A TRATTATIVE PARALLELE PER NUOVO ACCORDO – Da parte sua la Gran Bretagna vorrebbe far partire in parallelo i negoziati per la sua uscita dall’Unione europea e per la stipula di un nuovo trattato di libero scambio tra Regno Unito e Ue, ipotesi accolta finora molto freddamente dalla burocrazia europea ma parzialmente rilanciata dal ministro italiano per gli Affari europei, Sandro Gozi, che ha oggi cautamente ipotizzato che le due trattative possano “in parte sovrapporsi” nella parte finale del biennio di contrattazioni che partiranno dalla richiesta di attivazione dell’Articolo 50 dei trattati comunitari che il premier britannico Theresa May dovrebbe chiedere la prossima settimana.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le incorruttibili Poste Italiane

Violazioni multiple, radiato consulente

Sistema bancario italiano, maneggiare con cautela

Banca Generali, scatto finale della raccolta

Ing, la filiale con il look giusto per la consulenza

Consob, parte la campagna social per Scolari alla presidenza

Fineco, il trionfo della consulenza

Intesa, doppia mossa digitale per le imprese

Stress test, tanti errori nello scoop del Sole

Ubi, forze unite per blindare il capitale

Un anno miliardario per Allianz Bank FA

Ubi Banca cavalca la rivoluzione mobile

Stretta di mano tra fisco e Mediolanum

Credem, l’avanguardia nei pagamenti

Anasf: porte aperte per i “Protagonisti della crescita”

Con Consob per parlare di banca e finanza

Deutsche Bank: occhio a chi ne sfrutta illecitamente il marchio

Unicredit, svolta di Mustier: resterà da sola per 3/4 anni

Pressioni commerciali, il vero pericolo è nelle reti

Private banking, Julius Bär vende Kairos

Intesa Sanpaolo sceglie la blockchain

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Un Remix a firma Fineco

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

JPMorgan lancia la sfida alle banche

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Il tesoro dei Doris vale oltre un miliardo

Banche, obbligazioni subordinate tra rischio e occasione

Banca Generali: rotta verso gli 80 miliardi

Intesa Sanpaolo, il futuro è digital

Ti può anche interessare

Auto, in Europa calano ancora le immatricolazioni. Indice settoriale al test di un importante livello tecnico

L'indice Euro Stoxx Automobiles & Parts, benchmark di riferimento per i titoli azionari del sett ...

Mercati: boiler room

I mercati azionari sembrano recuperare un po’ di compostezza ...

Consulenti, 10 consigli per costruire una leadership perfetta

Partendo dalla valorizzazione del termine "coerenza", ecco il decalogo per il manager impeccabile ...