Borse, chiusura positiva ma rallenta la ripresa dell’euro

A
A
A
di Redazione 18 Maggio 2010 | 15:30
Dopo un avvio deciso le Borse sono tornate a scendere, chiudendo comunque in positivo. Wall Street subisce le conseguenze del brusco arresto della ripresa dell’euro, e pesa l’incertezza sulla situazione economica dell’Ue.

A mezz’ora dalla chiusura degli scambi le Borse europee tornano a perdere quota.
Milano oggi, dopo l’apertura di Wall Street, aveva sfiorato un rialzo del 3%, ma poi ha perso leggermente chiudendo al 2,15%. Parigi avanza oggi dell’1,83%, Francoforte dell’1,26% e Amsterdam dell’1,12%.

Nella giornata odierna i mercati sono stati aiutati dalla notizia del primo assegno di aiuti ad Atene, che è stato staccato con la cifra di 14,5 miliardi di euro.
La nazione ellenica ha ridotto il deficit del 42% nei primi 4 mesi e ha annunciato l’intenzione di tornare a chiedere prestiti ai mercati non appena le circostanze lo renderanno possibile.

Per quanto riguarda invece la borsa di Wall Street, dopo un avvio convinto, subisce un ribasso portandosi sui minimi di giornata, salvo poi riguadagnare leggermente terreno.
Gli investitori oggi sono stati intimoriti dal brusco arresto della ripresa dell’euro nei confronti del dollaro. La moneta unica, dopo aver toccato gli 1,24 sul dollaro americano, viaggia ora a 1,2368 dollari.
Sullo sfondo restano ancora elevati i timori per l’evoluzione della situazione economica dell’Unione Europea.

Il Dow Jones conserva comunque un guadagno dello 0,39%, grazie all’ottima perfeormance di Wal-Mart, che oggi ha diffuso risultati sopra le attese del mercato. In leggero rialzo anche l’S&P500 +0,15%, mentre il Nasdaq passa in negativo con un calo dello 0,30%, appesantito dalla brutta performance di molte blue-chips.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: Euro Index ancora in cerca di un valido supporto

Mercati: si rafforzano le valute correlate al petrolio

Forex, l’Euro stenta a invertire la rotta

NEWSLETTER
Iscriviti
X