Niente eccessi per il ricco della porta accanto

A
A
A
Avatar di Redazione 21 Maggio 2010 | 10:45
Una vita low profile

Guida la classifica degli uomini più ricchi del mondo, ma il suo tenore di vita non è da sultano. Si tratta del magnate messicano delle telecomunicazioni, Carlos Slim (nella foto). Un uomo di poche pretese che conduce un’esistenza al di sotto delle sue possibilità economiche. Il suo, però, non è un caso isolato. Diversi miliardari si pongono sulla stessa lunghezza d’onda. In alcuni casi è difficile distinguerli dalla gente comune, almeno all’apparenza. Il giudizio degli altri non li tocca, perché non hanno niente da dimostrare. Loro dettano le dinamiche dell’economia in alcuni settori chiave. Sono dei leader e bastano i loro successi a qualificarli. Raramente si concedono degli sfizi. Quando lo fanno è per passione, non per mettersi in mostra. Slim ha un patrimonio di oltre 53 miliardi dollari. Potrebbe permettersi i lussi più stravaganti del mondo, ma se ne regala pochi. O comunque non tanti quanti il suo patrimonio lascerebbe pensare. Come Warren Buffett, non possiede yachts o aerei personali ed ha vissuto nella stessa casa per diversi decenni. Eppure potrebbe avere tante ville, panfili e jet privati. Forse, però, non li ama o gli mancherebbe il tempo per goderseli, quindi ne fa a meno. Nel libro di Thomas Stanley, The Millionaire Next Door, emerge come molte persone ricche abbiano diverse caratteristiche in comune. Quelli che hanno raggiunto il vertice investono tanto in attività generatrici di reddito, ma spesso spendono poco. Sarà questo il segreto del loro successo? Può darsi, ma una cosa è certa: quando si vive al di sopra delle proprie possibilità, il patrimonio netto non potrà mai crescere.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Rank 3: Carlos Slim Helù, il paradosso messicano

NEWSLETTER
Iscriviti
X