Per FT le aziende italiane le peggiori in Europa

A
A
A
di Redazione 24 Maggio 2010 | 10:15
Il prestigioso quotidiano mostra con un approfondimento come le aziende italiane confrontate con quelle europee siano state sotto-performanti nel primo trimestre del 2010.

Le aziende italiane e portoghesi hanno registrato una performance decisamente peggiore del previsto nel primo trimestre, a causa sia della mancanza di competitività, sia a causa dell’indebitamento pubblico galoppante, che ha pesato sulla redditività delle società.

 

Questa è la fotografia che emerge da uno studio condotto e pubblicato quest’oggi dal Financial Times, che ha analizzato i risultati delle 600 maggiori società europee, verificando di quanto l’Eps registrato nei primi tre mesi dell’anno ha battuto o deluso le attese. Secondo il quotidiano anglosassone i dati delle banche italiane e di Fiat per l’Italia hanno fatto da zavorra per la performance dell’Italia.

 

“Molti dei problemi che queste società si trovano ad affrontare nascono dalla mancanza di competitività e alla scarsa fiducia. Il conseguente rallentamento in termini di crescita degli utili è in atto da tempo ed è difficile prevedere un momento di svolta, dato che il Paesi sono in un momento di austerity”, ha spiegato Gareth Williams, esperto di Ing.

 

A registrare la performance migliore sono state le banche del nord Europa: società svedesi, finlandesi, norvegesi e olandesi hanno superato le previsioni più delle altre. La sorpresa è arrivata dalla Spagna, che pur presentando un livello di indebitamento alto, che hanno registrato risultati moderatamente al di sopra delle attese. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fiat, faro della Consob sul rally in Borsa

I cinesi puntano al gruppo Fiat. E in Borsa il titolo vola

Auto italiane, Fiat resta il marchio più richiesto sul web

NEWSLETTER
Iscriviti
X