Vacanza da sogno? No, da milionario

A
A
A
di Eliana Pelucchi 25 Maggio 2010 | 10:45
Le mete più gettonate

La crisi è finita? Per i comuni mortali è ancora presto dirlo, ma per i miliardari della lista di Forbes sicuramente sì. I Paperon De’ Paperoni del globo chiudono il 2009 con un bilancio decisamente positivo. E mentre il resto del mondo fatica a sbarcare il lunario, sul pianeta dei nababbi si progettano già le vacanze del 2010. Il settimanale newyorkese ci svela vizi e abitudini di chi neanche quest’anno rinuncerà a lusso e confort, perché in vacanza, si sa, tutto è concesso. Relax al sole? Ma quando mai. L’instancabile fondatore di Microsoft, Bill Gates, a quanto pare preferisce i climi più freschi, per non dire polari. Da quando ha abbandonato l’azienda per dedicarsi solo alla fondazione che condivide con la moglie, il filantropo privilegia le atmosfere ghiacciate della Groenlandia. Anche il numero 50 della lista, Roman Abramovich, quando si scoccia del suo lussuoso yacht, fugge nel suo ranch dalle parti di Aspen, in Colorado, per passare qualche weekend sulle piste. C’è chi invece non rinuncia a una siesta al caldo. Richard Branson della Virgin Records, uno degli uomini più ricchi del Regno Unito, ama crogiolarsi al sole dei Caraibi a Necker Island, la sua isola privata circondata da acque turchesi. Ma qualche volta una destinazione calda non è sufficiente e così Paul Allen, co-fondatore di Microsoft, preferisce trascorrere le vacanze nel suo parco giochi privato, si chiama Octopus ed è un magayacht di 416 piedi da 200 milioni di dollari. In effetti, non tutti amano fossilizzarsi in unico posto. Ecco perché la nave dispone di due elicotteri, un sommergibile e sette barche supplementari. Non si sa mai che ad Allen venisse voglia di una fuga dalla sua oasi di pace.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Trader o psicopatico? Il confine è sempre più labile

Un Natale di lusso

A un italiano il primo Apple della storia

NEWSLETTER
Iscriviti
X