Comoi, primo advisory board per una Sim col Tricolore

A
A
A

Da Victor Uckmar a Giacomo Vaciago: la prima volta di un advisory board di una Sim italiana è firmato da CO.MO.I. Sim, la società presieduta da Marco Janni e di cui direttore generale è…

di Redazione9 giugno 2010 | 09:00

di John Hawkins

…diventato fa poco Gerardo Stigliani, già direttore finanza e partecipazioni di Simest. Il consiglio di amministrazione di CO.MO.I Sim ha infatti deliberato la costituzione di un advisory board volto ad affiancare il consiglio stesso nelle tematiche di carattere strategico in vista della progettata trasformazione in banca della società. L’istituzione di un advisory board, o comitato consultivo – la prima di questo tipo per una Sim italiana – nasce dall’esperienza anglosassone ed identifica un organo collegiale che non esercitando alcuna delega decisionale coadiuva il management aziendale nelle scelte strategiche, fornendo indirizzi generali che poi possono essere elaborati dal consiglio di amministrazione o direttamente dal management stesso. Fanno parte dell’advisory board di CO.MO.I. Sim il professor Giovanni Barone-Adesi, direttore dell’istituto di finanza dell’Università degli studi di Lugano, il professor Giuseppe Corasaniti, professore aggregato di diritto tributario presso l’Università di Brescia, il professor Uckmar, emerito nell’Università di Genova nonché presidente di Class Editori e il professor Vaciago, ordinario di politica Economica nell’Università Cattolica di Milano. Nella fase evolutiva attuale della CO.MO.I. Sim, che si appresta a trasformarsi in banca specializzata nell’assistenza ai progetti di internazionalizzazione delle imprese italiane, l’advisory board contribuirà anche ad ampliare la rete di contatti istituzionali per rafforzare la presenza della CO.MO.I Sim nelle varie aree di attività. Parallelamente, e proprio nell’ottica sopra descritta di supporto all’internazionalizzazione, sono stati aperti i nuovi uffici di Mosca del gruppo CO.MO.I. che, con uno staff iniziale di tre persone, assisterà gli imprenditori italiani che desiderano implementare le relazioni commerciali e valutare anche le possibilità di investimento nel Paese. Il personale russo della CO.MO.I., guidato dalla direttrice Milena Novotorzhina, potrà quindi operare per una maggiore efficacia nei rapporti commerciali italo-russi. Prima di guidae l’ufficio del gruppo CO.MO.I. a Mosca la Novotorzhina è stata managing partner di Confidal, direttore finanziario della moscovita Techstroyinvest e della Mercata Trading & Engineeering.
L’articolo completo lo puoi trovare su Soldi,
in edicola in questi giorni


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il “treno” che cavalca la corsa della Juventus

La digitalizzazione finanziaria: educazione e opportunità professionali

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Ti può anche interessare

“Manita” di violazioni segnalate da Consob

Cinque siti finiscono sotto la lente dell'Autorità di vigilanza ...

Criptovalute, anche la Svizzera alza le antenne

La Finma pubblica una guida pratica sulle ICO ...

Segui il webinar “Investimenti senza frontiere: scopri il nuovo mondo dei certificati”

Il webinar “Investimenti senza frontiere: scopri il nuovo mondo dei certificati” organizzato da ...