L’Italia è la chiave di svolta per la crisi europea

A
A
A
di Redazione 10 Giugno 2010 | 14:45
Secondo un report di Unicredit sul nostro paese si concentra la scommessa per il futuro dell’area Euro. Considerato l’anello debole dell’area Euro, ha dimostrato di essere resistente alla crisi rispetto agli altri paesi periferici. Ma ancora molto deve essere fatto.

L’Italia? Per Unicredit rappresenta la chiave di svolta dell’attuale crisi europea. In un suo recente report Piazza Cordusio sottolinea come sul nostro paese, essendo il più grande di quelli vulnerabili alla crisi e il più vulnerabile tra i grandi, si concentra la scommessa per il futuro del Vecchio Continente.

“L’Italia – si legge nella nota – rappresenta un quinto dell’economia dell’eurozona e più di un quarto del suo debito sovrano”. Pertanto, “la sua stabilità è essenziale alla capacità dell’Eurozona di uscire dalla crisi attuale”. Fino ad oggi l’Italia ha archiviato un successo paradossale: il paese è stato a lungo giudicato come l’anello debole, con gli investitori che periodicamente si chiedono se uscirà dalla zona Euro.

Eppure, quando è arrivata la crisi, l’Italia ha dimostrato di essere estremamente resistente paragonata ai suoi pari, in particolare la Grecia, l’Irlanda, il Portogallo e la Spagna. I timori di un contagio si sono riversati sul mercato dei titoli di Stato. Ma queste tensioni, conclude lo studio, non rispecchiano i fondamentali: l’Italia è più forte dei suoi pari, ma la sua capacità di resistere è fragile. Un’accelerazione decisa nelle riforme strutturali e fiscali è necessaria per poter avviare il paese sulla via di una forte crescita. Soprattutto, l’Italia deve accelerare sul fronte della flessibilità, della produttività e della competitività. Questo aiuterebbe a ridurre il deterioramento dei suoi punti forti, tra cui l’elevato livello di risparmio privato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X