L’Ocse alza le stime sulla crescita, ma non per l’Italia.

A
A
A
di Redazione 11 Giugno 2010 | 11:30
Il superindice dell’area Ocse sale a 104 punti ad aprile dai 103,6 precedenti. Ma l’Italia va controcorrente, scendendo a 104,6 da 104,9. Intanto la Bundesbank ha alzato al rialzo le previsioni di crescita della Germania.

Sale ancora il superindice dell’area Ocse ad aprile, portandosi a 104 punti dai 103,6 precedenti. Lo comunica la stessa Ocse. Il superindice dell’Area Euro sale a 104,7 punti dai 104,4 di marzo e migliora l’attività anche in Germania (a 106,3 da 105,3) e Regno Unito (a 104,8 da 104,7). Il superindice cala lievemente in Francia a 104,3 da 104,6, mentre in Italia mostra una lieve decelerazione collocandosi a 104,6 da 104,9 punti. Il leading indicator degli Usa sale a 103,6 da 103 e quello del Giappone a 103,7 da 103,1.

Intanto, oggi la Bundesbank ha diffuso il suo outlook per l’economia tedesca, alzando le previsioni di crescita del Paese e segnalando che dall’ultimo scorcio del 2009 si è registrata una accelerazione dell’attività. Il conseguente miglioramento dell’economia globale ha favorito questo recupero, mentre l’inflazione resta contenuta a dispetto del deprezzamento dell’euro.

La banca centrale tedesca stima così un’economia nazionale in crescita dell’1,9% quest’anno e dell’1,4% il successivo, grazie in particolare alle esportazioni e agli stimoli offerti dal ciclo delle scorte, mentre verrà a scemare l’importanza delle misure di stabilizzazione del Governo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X