Tango bond, adesioni al 66%

A
A
A
di Redazione 24 Giugno 2010 | 09:00
La risposta allo swap ha superato le attese del governo (che puntava al 60%). Contando il primo swap del 2005 le adesioni salgono al 92,4%. Ma la Tfa è cauta: ci sono in giro ancora 6 miliardi di dollari.

Si chiude con un successo per la Repubblica Argentina la saga dei tango bond. I risultati della seconda offerta (dopo quella del 2005) terminata lo scorso 22 giugno si è chiusa con un’adesione del 66%, superiore alle attese del governo, che si era posto come obiettivo un target del 60%.

“E’ un risultato che va molto al di là delle nostre aspettative – ha annunciato il ministro dell’economia durante una conferenza stampa – riteniamo che l’adesione sia stata molto alta”. Se si tiene conto poi dei risparmiatori che avevano accettato il precedente concambio fatto da Buenos Aires nel 2005, l’adesione è pari al 92,4%.

Più cauta la Tfa, la Task force argentina, l’associazione a tutela dei bondholders italiani nata su impulso dell’Abi, che precisa come in circolazione restano ancora 6 miliardi di dollari. Nei prossimi giorni l’associazione elaborerà i numeri relativi ai risparmiatori italiani, precisando il numero delle adesioni e il numero di quanti hanno deciso di confidare nel ricorso promosso dinanzi al Tribunale internazionale presso la Banca Mondiale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti