Blueindex, le tre big Usa alla prova dei conti

A
A
A
di Redazione 15 Luglio 2010 | 12:30
Jp Morgan chiude con utili in rialzo e al di sopra delle stime. Domani tocca a Bofa e Citi, previste però in calo. Secondo Goldman Sachs la qualità del credito continua a migliorare.

Banche Usa alla prova dei conti. Tra oggi e domandi le tre maggiori banche americane comunicano i conti di metà anno. Quest’oggi è stata la volta di Jp Morgan, che ha chiuso il secondo trimestre con utili in rialzo del 76% a 4,8 miliardi di dollari (1,09 dollari per azione) e sopra le attese degli analisti. Secondo però le stime degli esperti quelli di Jp Morgan saranno gli unici conti con il segno più di questa sessione.

Domani sarà infatti la volta di Citigroup e Bank of America. Per la prima Reuters prevede una riduzione degli utili a 5 centesimi (da 0,49 dollari), per la seconda un calo a 22 centesimi (da 33 dello scorso anno).

A pesare sui conti sarà in particolare il calo dei risultati da trading, che avevano invece spinto all’insù il conto economico tra marzo dello scorso anno (quando cioè i mercati hanno registrato un’inversione di tendenza puntando al rialzo) e la fine del 2009. Secondo Goldman Sachs, tuttavia, una sorpresa positiva potrebbe giungere sul fronte della qualità del credito, prevista in miglioramento. In un suo report l’istituto Usa ha scritto che le tre banche beneficeranno di una riduzione del 10% delle perdite su carte di credito, una circostanza che rappresenta la metà dei costi sul credito. Questo comporterà una riduzione degli accantonamenti su crediti, con conseguente aumento della parte bassa del conto economico.

Dall’altra parte però proseguirà la debolezza sul fronte della domanda di prestiti, sia commerciali che di consumo, con conseguente riduzione dei ricavi da impieghi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X