I dipendenti Bbc guadagnano più di David Cameron

A
A
A
di Eliana Pelucchi 19 Luglio 2010 | 12:15
Tagli agli stipendi dei top manager

«La Bbc non ha fatto abbastanza per tagliare stipendi e benefit ai suoi top manager». Parola di Caroline Thomson, direttrice produzione della Bbc, la donna più anziana all’interno della storica emittente pubblica, che guadagna 330mila sterline all’anno (quasi 400mila euro). Secondo la Thomson, la società ha “chiaramente” commesso “qualche errore” e non ha fatto abbastanza per ridurre gli stipendi. Sono circa 380 i dipendenti dell’emittente pubblica britannica che guadagnano più di 100.000 sterline all’anno (121.000 euro) e più di un centinaio quelli che si mettono in tasca uno stipendio superiore a quello del premier, David Cameron. Ed è polemica anche in Gran Bretagna (e non solo in Italia) sui salari di dipendenti e collaboratori dell’emittente pubblica. Tra coloro che hanno contestato l’alto livello dei salari, secondo il Times, l’ex ministro laburista della Cultura, Tessa Jowell, che fu colei che negoziò il canone annuale che devono pagare i cittadini al servizio pubblico. Jowell, per altro ferma sostenitrice della Bbc, ha detto che i manager pagati a peso d’oro «vogliono i benefit del settore privato, senza nessuno dei rischi». Di fronte alle critiche, l’emittente ha fatto sapere di essersi impegnata a una serie di misure: «Oltre a pagare il 60% in meno del settore pubblico, gli stipendi saranno congelati fino al 2011 e i bonus sospesi a tempo indefinito. Per il 2013, la Bbc taglierà del 18% il numero degli alti manager e ridurrà del 25% la massa salariale». In concreto vorrà dire che i top manager guadagneranno il 14,5% in meno rispetto ai livelli del 2008.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La Scozia respinge l’indipendenza, borse in festa

I crediti problematici diventano un business

Tris di nuove nomine per Zurich in Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X