La Fed alla lavagna

A
A
A

Come un fanciullo che ancora frequenta le scuole superiori e – malgrado tecniche camaleontiche sopraffine – viene chiamato alla lavagna per l’interrogazione di matematica (tipicamente la più temuta), così oggi…

Avatar di Redazione21 luglio 2010 | 07:00

Ben Bernanke verrà “interrogato” dal Senate Banking Panel (la congregazione che ha giurisdizione su banche, dazi, assicurazione sui depositi, promozione delle esportazioni, politica monetaria, sostegno finanziario alle imprese e così via). Anche se i politici cercheranno di spremere Bernanke fino al midollo, a noi uomini di mercato servono 3 risposte principali: l’economia USA è più in forma o meno in forma di qualche mese fa?

E ancora: le previsioni sono più rosee o più cupe? Cos’è il piano Z? Due volte all’anno Bernanke si reca a Capitol Hill per cercare di difendere le proprie decisioni davanti alla platea di politici del Senate Banking Committee e l’House Financial Service Committee. L’ultima volta è stata a febbraio, quando si era mostrato particolarmente preoccupato per l’andamento dell’economia anche se ha menzionato che “ad un certo punto” i tassi sarebbero dovuti salire.

La preoccupazione maggiore riguardava il mercato del lavoro, che continua tutt’ora a soffrire in assenza di stimoli governativi, ed il mercato immobiliare che rimane sotto tono. Gli ultimi NFP sono state negative, la spesa per consumi si mantiene basso e la parola “deflazione” riecheggia per i corridoi delle banche d’affari. Dunque ci aspettiamo di vedere un Bernanke più preoccupato e serio. Di qui l’ultima domanda: il Piano Z.

I membri del Congresso vorranno comunque delle risposte o delle rassicurazioni e  quindi Bernanke dovrà estrarre dal cappello alcune sorprese se vuole sopravvivere all’interrogazione. Tornando al mercato, l’azionario USA ha cancellatole perdite di ieri e l’appetito per il rischio si è ripreso. Gbp, Chf e le commodity currencies hanno ripreso quota contro il greenback. L’euro ancora non riesce a superare quota 1,30 con convinzione anche con notizie positive come i prezzi alla produzione della Germania che sono uscite ieri migliori del previsto a +0,6% contro un +0,2% atteso.

Peccato che il driver primario di questo rialzo sia l’aumento del prezzo del paniere energetico e quindi la BCE non deve preoccuparsi più di tanto. Infine, come da attese, la BoC ha alzato i tassi di interesse e sono divenuti così il membro più aggressivo del G7 ma nonostante questo il Loonie non si è mosso tanto perché nello statement accompagnatorio si è reso molto chiaro il fatto che non si dovranno scontare ulteriori rialzi.

EurUsd – grafico orario

Passiamo ad un po’ di analisi tecnica cominciando, come di consueto, dall’eurodollaro.
Abbiamo assistito ieri al superamento della forte barriera posizionata a 1.30 figura: dopo aver raggiunto un massimo a 1.3020, questo movimento ha prodotto un repentino calo, di 170 punti, nel corso della mattinata.

Osservando ora la tendenza di breve-medio periodo notiamo come questa sia ancora indirizzata a rialzo: consideriamo infatti che il livello di inversione del movimento di ripresa, iniziato proprio l’inizio di luglio nei pressi di 1.22, si trrvi per le prossime ore vicino a 1.2750 e sino a che questo terrà ipotizziamo obiettivi a 1.31 prima e verso il più ambizioso 1.35, poi.

Il cambio UsdJpy, sempre all’interno della propria tendenza ribassista con origini ai primi di maggio, ha trovato una zona di equilibrio nei pressi di 87 figura, in questi ultimi giorni. L’idea di fondo è che i prezzi possano raggiungere il minimo precedente a 84.90, fermo restando che non dovremmo assistere ad un ritorno al di sopra del doppio massimo di 89.20.

Molto stabile, da una settimana a questa parte, anche il cambio EurJpy. I prezzi fluttuano fra la forte resistenza di 113.30 ed il supporto di 111.50. In questo caso l’analisi tecnica suggerisce un’operatività tesa a sfruttare il range venutosi a creare ma con un occhio puntato ad eventuali rotture.
Vediamo ora il cable, dove potremmo assistere ad una rottura rialzista e nuovo tentativo di raggiungere 1.55, successivamente al passaggio di 1.5310.
1.5250 invece potrebbe essere un buon livello di supporto nel breve.

È strano vedere come da più di un mese il cambio GbpJpy si muova all’interno di un range di 500 punti: eppure 135.90 sopra e 130.50 sotto sono i due livelli che stanno contenendo i prezzi dai primi giorni di giugno. Ora i prezzi si trovano equidistanti da questi due livelli importanti per cui non è agevole propendere per un rialzo o un ribasso nel breve. La miglior strategia sembra quindi essere di attesa del test di uno dei due prezzi.

Terminiamo con il cambio AudUsd, in quanto troviamo molto interessante il livello di resistenza a cui potrebbero giungere i prezzi nel breve. Parliamo di 0.8860 (il massimo da metà maggio scorso) a cui il cambio ha ritracciato per già due volte. Attenzione, anche oggi, quindi ad un ipotetico triplo massimo.

::::__

Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilità per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall’uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento è soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed è previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l’accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l’esattezza e non accetta alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacità di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non è destinato alla distribuzione, o all’utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l’uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Ti può anche interessare

Consulenti: fenomenologia dello spirito associativo

Esiste un problemi di rappresentanza dei consulenti finanziari. Lo sostiene Federpromm ...

Gestori globali, ecco i titoli preferiti

I titoli più amati dai money manager globali sono Alphabet, Visa e Microsoft. Male Apple ...

Borsa, la fiducia delle aziende tedesche traina Piazza Affari

L’indice Ifo sulla fiducia delle aziende in Germania è calato a 99,6 punti a marzo, ma è un ...