Sarah Brown senza veli

A
A
A
Avatar di Eliana Pelucchi 21 Luglio 2010 | 10:45
Un libro per svelare tutti i particolari degli anni trascorsi a Downing Street. Sarah Brown, la moglie dell’ex primo ministro britannico Gordon Brown, scriverà le sue “memorie”.

La conferma ufficiale è arrivata della sua casa editrice. «Il volume – ha spiegato l’editore Ebury – si intitolerà Behind the Black Door (Dietro la porta nera) e racconterà, tra l’altro, come fare shopping in compagnia dello Special Branch, l’unità di élite della polizia incaricata della protezione delle personalità britanniche, e come comportarsi quando si ha una cattiva acconciatura e c’è [p]Carla Bruni[/s] nei paraggi. [p]Sarah Brown[/p] aveva già annunciato l’intenzione di scrivere le sue “memorie” su Twitter, dove i suoi messaggi sono letti da più di un milione di persone. La consegna del manoscritto è prevista per il 3 aprile 2011.

Secondo un portavoce dell’ex first lady britannica, il libro «rifletterà le sfide che consistono nell’abbandonare una carriera brillante per creare un nuovo ruolo di attivista internazionale per organizzazioni umanitarie». Queste memorie descriveranno anche la vita a Downing Street «di una donna che tenta di trovare l’equilibrio tra gli spettacoli a scuola e le visite di Stato”, di una donna sposata con qualcuno che è diventato primo ministro», ha aggiunto il portavoce. Sarah Brown 46 anni, aveva sposato [p]Gordon Brown[/p] nel 2000 quando il marito era ministro delle Finanze del governo di [p]Tony Blair[/p]. In quella occasione aveva deciso di abbandonare la sua occupazione di responsabile di un’agenzia di relazioni pubbliche per occuparsi di iniziative benefiche e della crescita dei due figli della coppia, John e Fraser.

Trovi tutti gli approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Gordon di Sherwood

UK privatizza 17 miliardi di asset statali

Banche – Lloyds valuta altre strade

NEWSLETTER
Iscriviti
X