Mercati, l’Europa continua a snobbare l’America.

A
A
A
Avatar di Camilla Gaiaschi 29 Luglio 2010 | 10:00
Ennesima giornata in controtendenza per i listini europei, in rialzo nonostante i dati poco rassicuranti contenuti nel Beige Book. La tenuta delle borse Ue rompe un meccanismo consolidato. Merito di stress test e trimestrali in crescita.

L’Europa snobba l’America. E spinge al rialzo i listini, nonostante i dati poco rassicurati contenuti nel Beige Book diffuso ieri. Ma a guardare bene i mercati, il movimento di questa mattina è l’ennesimo strappo da parte del Vecchio Continente nei confronti degli Usa, in questi giorni colpiti da indicatori macro-economici a luci e ombre. A metà luglio la revisione al ribasso, da parte della Fed di Philadelphia, della crescita economica (dagli 8 punti di giugno ai 5,1 punti di luglio), poi il calo dell’indice di fiducia dei consumatori (a 50,4 punti a giugno dai 54,3 di luglio). Ieri i nuovi ordini di beni durevoli di giugno, con il secondo imprevisto mese di contrazione, hanno segnato la peggiore flessione da agosto dello scorso anno. Infine il beige book, dal quale è emerso che l’economia statunitense sta registrando una ripresa modesta, con la crescita in rallentamento nella metà dei distretti oggetto di indagine.

Gli Usa, per quanto “assediati” dal boom dei paesi emergenti, rimangono il motore dell’economia globale e Wall Street il barometro dei listini del mondo intero. La tenuta delle borse europee, oggi come nei giorni scorsi, rompe questo meccanismo ormai consolidato. Le ragioni di questo exploit sono diverse: i risultati degli stress test su 91 banche europee, per quanto oggetto di polemica, hanno ridato fiducia agli operatori. Ci sono poi le buoni trimestrali di questi giorni: da Ubs (tornata in utile) a Deutsche Bank, da Telefonica  a France Telecom. Siemens e Shell hanno registrato trimestrali decisamente positive. Infine i dati macro, con il tasso di disoccupazione tedesco che oggi è calato al 7,6% a luglio dal 7,7% del mese precedente.

Il mix di questi fattori ha naturalmente avuto un impatto positivo sull’euro, che il 26 luglio ha superato la soglia di 1,30 nei confronti del dollaro. Anche oggi la moneta unica ha aperto in rialzo, scambiando a 1,3028 nei confronti del biglietto verde.

La ribellione della vecchia Europa nei confronti degli Usa è destinata molto probabilmente a rientrare. Nel frattempo i listini europei si godano il breve momento di gloria.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Ti può anche interessare

Oro, avanti tutta con la strategia di zio Paperone

Miglior performance da nove anni per il metallo giallo, che nel 2019 ha avuto rendimenti superiori a ...

Criptovalute, l’ombra della criminalità

Al mondo criminale piacciono i bitcoin. A segnalarlo la Dna, direzione nazionale antimafia e antiter ...

Bancari, ecco gli aumenti in arrivo

Tra 130-140 euro mensili lordi in tre anni per uno sportellista fino a oltre 255 euro per un quadro ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X