Finale di seduta sottotono per Piazza Affari

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 29 Marzo 2017 | 17:49

LA BREXIT INDUCE ALLA CAUTELA – I timori legati all’avvio formale della procedura che porterà all’uscita dalla Gran Bretagna dall’Unione europea inducono gli investitori alla cautela, con Milano che snobba i buoni dati macroeconomici diffusi in giornata dall’Istat (indice di fiducia dei consumatori, in crescita a marzo) per chiudere in moderato ribasso dopo una mattinata moderatamente positiva che aveva visto gli indici registrare i nuovi massimi da inizio anno.

LEONARDO ALLUNGA IL PASSO – A fine giornata il Ftse Mib segna così -0,27%, il Ftse Italia All-Share perde lo 0,30% e il Ftse Italia Star chiude a -0,06%. Tra le blue chip italiane si mettono in luce Leonardo (grazie anche all’ordine in arrivo dal Pakistan per ulteriori AW139 per ricerca e soccorso, con consegne dal prossimo anno), mentre prosegue la corsa anche di Saipem, grazie ad una crescita delle scorte petrolifere Usa inferiore alle previsioni, Ferrari, che segna l’ennesimo record storico, e Cnh Industrial.

ATLANTIA FRENA, INCERTE ANCHE LE BANCHE – Deboli per contro i servizi di pubblica utilità e le banche, a partire da Atlantia, nonostante si dia per scontato il lancio di un’Opa su Save (società che gestisce l’aeroporto di Venezia) ad un prezzo attorno ai 20,6 euro per azione contro i 14,75 euro a cui la società ha in portafoglio azioni per poco più del 22% del capitale di Save. Male anche Bper Banca, Italgas e Unicredit, su cui peraltro Exane Bnp Paribas oggi ha alzato da 13,6 a 15 euro per azione il target price, stanti le aspettative per un incremento dell’Euribor.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Benetton, dinasty in cerca di nuove strade

Europa dolce e amara per le aziende italiane

Atlantia lancia Opas da 16,34 miliardi su Abertis e vola in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X