Fed, altri aiuti all’economia

A
A
A
di Gianluca Baldini 4 Agosto 2010 | 06:30
La Fed potrebbe decidere di reinvestire in obbligazioni fino a 200 miliardi di dollari che devono arrivare nelle sue casse dalla gran quantità di bond legati ai mutui.

È giornata di decisioni importanti alla Fed. Oggi la commissioni di controllo americana deve decidere se e come dare sostegno a un economia in difficoltà. Quella americana. La soluzioni esisterebbe già: reinvestire in obbligazioni i miliardi di dollari che si apprestano ad affluire nelle sue casse dalla gran quantità di bond legati ai mutui rilevata nei giorni più duri della crisi e ora in scadenza. La scelta, che verrà attuata dal capo della Fed, Ben Bernanke, arriva dopo l’ipotesi i di ridimensionamento del portafoglio della Fed, che negli ultimi tre anni è triplicato a 2300 miliardi, eliminando la paura di una istituzione esposta a ancora a diversi rischi. Secondo la proposta di Bernanke, potrebbero essere reinvestiti fino a 200 miliardi entro il 2011. Una cifra sufficiente, qualora iniettata sui mercati in Treasuries o obbligazioni immobiliari, a dare un chiaro segnale dell’impegno delle autorità monetarie a mantenere politiche accomodanti, a favore della crescita. 

In realtà i timori di una reale crescita dell’economia americana ci sono, eccome. Prima di tutto la spesa al consumo e il reddito personale sono rimasti stagnanti a giugno . I contratti preliminari di vendita di case sono crolalti del 2,6% e anche l’attività manifatturiera ha ceduto qualcosa: gli ordini alle fabbriche nello stesso mese sono calati dell’1,2 per cento. C’è poi da considerare il tasso di disocuppazione Usa che a luglio, secondo gli esperti, dovrebbe crescere da 9,5 a 9,6%.

La prossima settimana il vertice Fed potrà vagliare molteplici opzioni, tra cui un comunicato che ponga l’accento sui pericoli per la crescita. Il piano sui bond, se decollerà, avrebbe però i contorni di un compromesso accettabile a entrambi gli schieramenti: non gonfierebbe comunque il bilancio Fed. Anzi, se i nuovi acquisti fossero concentrati in titoli del Tesoro verrebbe incontro a una delle loro richieste, ricreare un portafoglio della Banca centrale ricco di Treasuries e non di titoli tossici.

La voglia di compromesso filtra dalle dichiarazioni di esponenti dei due campi. James Bullard, della sede di St. Louis, ha lanciato allarmi sulla deflazione e incitato ad ampliare il portafoglio Fed, ma ha poi ammorbidito i toni. Charles Plosser, della sede di Philadelphia e tra i meno propensi a nuovi aiuti all’economia, si è intanto detto disponibile a reinvestire in Treasuries. E il collega di Dallas, Richard Fisher, ha promosso l’idea d’un bilancio stabile della Banca centrale.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X