Eurozona: inflazione e fiducia i due grossi timori

A
A
A
Avatar di Redazione 17 Agosto 2010 | 10:00
La fiducia tedesca scende ai minimi da 16 mesi e per la terza volta il governatore della Banca d’Inghilterra dovrà scrivere al ministro delle Finanze. Intanto in Spagna asta boom.

Il deficit delle partite correnti dell’area euro a giugno ha registrato un calo a 4,6 miliardi di euro contro i 7,4 miliardi euro di maggio. Lo rende noto la Banca centrale europea, precisando che a giugno si è registrato un deficit pari a 7,8 miliardi euro sui trasferimenti e di 1,6 miliardi euro sui redditi. I beni hanno mostrato un surplus di 2,6 miliardi di euro e i servizi di 2,2 miliardi euro

 

Intanto la Spagna ha collocato 5,5 miliardi di titoli di Stato a 12 e 18 mesi, riuscendo a vendere il massimo ammontare prefissato e con rendimenti in calo. Infatti i rendimenti dei titoli a 12 mesi sono in forte calo all’1,836% dal 2,221%, quelli dei titoli a 18 mesi scendono al 2,078% dal 2,331% di luglio.

E non è l’unico paese nell’occhio del ciclone. Anche nel Regno Unito la situazione non è delle migliori. L’inflazione, ad esempio, è scesa a luglio al +3,1% dal +3,2% di giugno, mantenendosi al di sopra del limite del 3% fissato dal governo. Lo ha riferito l’Ufficio nazionale di statistica secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg.

Con l’inflazione a questo livello per l’ottavo mese consecutivo il governatore della Banca d’Inghilterra sarà costretto a scrivere una nuova lettera aperta di giustificazioni al governo per la terza volta in un anno, in cui spiegherà come intende mantenere i prezzi sotto controllo. Ad ogni modo, è difficile che l’inflazione possa modificare la politica monetaria della Banca di Inghilterra così il tasso di riferimento resterà fermo al minimo storico dello 0,5% per buona parte del 2011.

Infine in Germani cala la fiducia degli investitori. Ad agosto l’indice Zew è scesa ai minimi da 16 mesi, e la preoccupazione è che la  Germania difficilmente riuscirà a mantenere «l’enorme» tasso di crescita mostrato nel secondo trimestre. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet AM: “I Paesi dell’Europa centrale si dimostrano resilienti”

Fondi, Jupiter si lancia sull’Eurozona

Investimenti, le elezioni italiane non minacciano l’Eurozona

NEWSLETTER
Iscriviti
X