Borse, seduta piatta per i listini europei

A
A
A
di Redazione 14 Settembre 2010 | 16:30
Seduta poco mossa per i listini a causa dei dati macro deboli sulla produzione industriale in Eurozona. A Milano volano Fiat e Pirelli Re. Male Fonsai.

Listini poco mossi oggi sulle principali piazze europee, appesantiti dai deboli dati macro su produzione industriale di Eurozona e dall’indice Zew in Germania, tornato in negativo da marzo 2009. L’indice Eurostoxx 50 archivia un mini-rialzo dello 0,14%. In linea il resto degli indici: +0,01% il Ftse Mib, +0,25% il Cac 40, +0,28% il Ftse 100, +0,27% il Dax. Debole Wall Street: a metà seduta il Dow Jones sale dello 0,22%, l’S&P 500 dello 0,2%, il Nasdaq dello 0,42%.

Sul fronte valutario fa bene l’euro, che ha recuperato quota 1,29 nei confronti del dollaro. In crescita le quotazioni del petrolio Wti, a 77,5 dollari il barile.

Secondo Eurostat la produzione industriale è risultata più debole delle aspettative a luglio, a causa di un calo dei beni di consumo durevoli. L’output è rimasto infatti invariato nel mese (contro un rialzo stimato dello 0,2%), mentre rispetto a un anno prima è salito del 7,1% (+8% le previsioni). Il dato di giugno è stato rivisto a -0,2% su mese da -0,1%, a +8,3% su anno dal precedente +8,2%. Il costo del lavoro è cresciuto nel 2Q10 dell’1,6% su base annua, mentre nel primo trimestre era salito dell’1,9% (rivisto da +2,1%). In Germania l’indice elaborato dell’istituto Zew sulla fiducia degli investitori tedeschi mostra un peggioramento a settembre a -4,3 punti base, al minimo da febbraio dell’anno scorso, a fronte del 10,0 del consensus e dopo il 14,0 di agosto. Nel Regno Unito i prezzi al consumo hanno mostrato in agosto una crescita congiunturale dello 0,5% e un tasso tendenziale del 3,1%, due decimi al di sopra delle attese. Negli Stati Uniti le vendite al dettaglio hanno evidenziato in agosto una crescita dello 0,4%, andando oltre il consensus degli analisti che indicavano un progresso dello 0,3%.

Tornando ai mercati, a Milano Ansaldo (+2,35%) ha trainato i rialzi sul Ftse Mib. Bene Fiat (+1,57%), sostenuta dalla notizia, riportata da un quotidiano serbo, secondo cui la casa automobilistica starebbe puntando ad aumentare gli investimenti locali da 800 a 944 milioni l’anno. Denaro su Pirelli (+1,48%), Telecom (+1,33%) e Parmalat (+1,12%). Lettera, invece, su Fonsai (-1,57%), Italcementi (-0,72%) e Unicredit (-0,6%). Fuori dal paniere principale, Pirelli Re è salita del 3,68%, sulla scia della vendita a Eodardo Caltagirone di 55.000 metri quadrati di terreno alla Bicocca per circa 62 milioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X