Rating, oggi l’esame del cdm

A
A
A
di Matteo Chiamenti 17 Settembre 2010 | 10:00
Si prospettano tempi duri per le agenzie di rating, da molti accusate di aver pesantemente contribuito alla recente crisi finanziaria e di aver spaventato eccessivamente i mercati sulla solvibilità di alcuni paesi europei.

Continua la diatriba tra istituzioni e agenzie di rating, entrambe categorie tipicamente libere di giostrare al meglio le proprie esigenze, conseguente motivo principale di assoluto astio. Come tutti sannoultimamente sono state le tre sorelle americane (Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch) a fare il brutto e cattivo tempo sulle piazze finanziarie, poiché la loro opinione è considerata un metro di misura universale sui mercati. Proprio per questo si è decisa una stretta a livello continentale, anche se è stata dura farle accettare una vigilanza di tipo pubblicistico.

Intanto, come ripreso da Teleborsa, oggi sbarca in Consiglio dei Ministri (CdM) il decreto sulle agenzie di rating, in attuazione della legge Comunitaria del 2009 approvata dal Parlamento europeo lo scorso anno, che prevede l’introduzione del monitoraggio diretto sulle agenzie di rating da parte delle autorità di vigilanza nazionali e l’obbligo di registrazione per coloro che intendono rilasciare pagelle su operatori del mercato europeo.

Il testo si compone di due articoli. Nel primo si attribuisce alla Consob la vigilanza sulle agenzie, con uno scambio diretto di informazioni con le autorità di vigilanza del settore (Bankitalia, Isvap e Covip). Nel secondo articolo vengono estese le sanzioni amministrative in tema di informazione societaria e doveri dei sindaci e delle società di revisione agli analisti e ai dipendenti delle agenzie e ad altri soggetti che partecipano all’emissione dei rating. Per chi non rispetta le condizioni dettate dai regolamenti europei ci sarà una multa fino a 500.000 euro.

Chissà se queste regole riusciranno a mettere un freno alle agenzie di rating, e magari a renderle più magnanime con le società e i governi del vecchio continente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X