Dati positivi per i fondi immobiliari

A
A
A

È quanto rileva Assogestioni nella consueta relazione sui fondi immobiliari presentata oggi.

Avatar di Redazione28 settembre 2010 | 12:45

I Fondi Immobiliari Italiani continuano a crescere e chiudono il primo semestre dell’anno con risultati positivi. È quanto è emerso dalla relazione presentata oggi da Assogestioni e Ipd in occasione del convegno “Fondi immobiliari: solidità, sicurezza, rappresentatività e partecipazione – Le ragioni alla base delle scelte degli investitori”. Il settore ha affrontato le incertezze del contesto economico presentando dati in crescita sul fronte del numero di prodotti, dell’attivo gestito, del patrimonio e delle attività. La raccolta nei primi sei mesi dell’anno è stata pari a 328 milioni di euro, mentre gli asset dei fondi censiti sono cresciuti fino a sfiorare i 22,2 miliardi di euro, con un incremento semestrale pari allo 0,5% e annuo pari all’8,4%.

Nel corso dei sei mesi di riferimento sono stati lanciati 10 nuovi fondi, tutti dedicati ad investitori qualificati. 8 di questi sono non speculativi, 6 sono stati costituiti mediante apporto e 4 in modo ordinario. Alla fine del semestre il numero di prodotti censiti è salito fino a 163 unità.
I dati elaborati da Assogestioni e Ipd mettono in evidenza che l’86% dei prodotti – 140 fondi – sono riservati ad investitori istituzionali: 123 costituiti mediante apporto e 17 costituiti in modo ordinario. I Fondi riservati detengono un patrimonio complessivo di oltre 16,5 miliardi di euro. I Fondi retail censiti sono 23 e detengono un patrimonio superiore a 5,6 miliardi di euro. Al termine del semestre di riferimento l’83% dei fondi ha fatto ricorso alla leva. Nel medesimo periodo il rapporto tra quanto ciascun fondo si è indebitato e quanto si sarebbe potuto indebitare è diminuito, passando dal 69% di dicembre 2009 all’attuale 68,2%.

Analizzando la composizione delle attività, pari a 38,2 miliardi di euro, emerge che l’investimento principale per entrambe le tipologie di fondi è ancora quello in immobili e diritti reali immobiliari. Il dato rilevato è oggi pari all’87,4% e l’investimento complessivo raggiunge i 34,9 miliardi di euro, in crescita dell’1,3% nel periodo gennaio-giugno 2010.

La ripartizione degli investimenti per destinazione d’uso, in linea con quanto rilevato nel corso degli anni precedenti, sono avvenute per il 52,2% in immobili adibiti ad “Uffici”, per il 18% nella destinazione d’uso “Commerciale”, mentre il 10,7% degli impieghi è confluito nella destinazione d’uso “Altro” (caserme, centraline telefoniche e terreni).

Per i Fondi riservati e per quelli retail il Nord Ovest e il Centro sono state le aree geografiche in cui si sono registrati i principali investimenti in immobili. I Fondi retail si sono confermati maggiormente esposti ai mercati esteri, dove il loro investimento è stato pari al 6,8% contro lo 0,7% registrato per i prodotti riservati.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Assogestioni, impressioni (buone) di settembre

Assogestioni, ad agosto continua la marcia dei fondi

Assogestioni, patrimonio al top. Generali sempre al comando

Dati Assogestioni: si riprende la raccolta a giugno. Boom di Eurizon

Fondi, Ubs e Morgan Stanley dominano il trimestre

Risparmio gestito, patrimoni al top e raccolta in affanno

Risparmio gestito: Poste Italiane regina di marzo

Dati Assogestioni: raccolta giù, patrimonio su

Salone del Risparmio 2019, tutti i numeri

Salone del Risparmio, domani apre il n. 10

Assogestioni: bis di Corcos. Nome nuovo tra i vicepresidenti

Fondi, il 2019 inizia con una ripresina

Salone del Risparmio 2019, ecco i temi chiave di Assogestioni

Risparmio gestito, un trimestre a secco

Mifid 2, il punto di Assogestioni su conoscenza e competenza

Consulenti, rinvio in vista per i rendiconti Mifid 2

Assogestioni delinea il futuro del gestito

Assogestioni: inciampo finale della raccolta, ma il 2018 tiene

Assogestioni: un aiuto interpretativo sui nuovi Pir

Corcos (Assogestioni): mano tesa al governo sul nodo Pir

Assogestioni, pioggia di deflussi a novembre

L’exploit di Poste in un ottobre grigio

Risparmio gestito, ottobre in flessione

Risparmio gestito in trincea, la raccolta tiene

Fondi: Amundi corre, Generali frena

Frenata d’autunno per il risparmio gestito

Intesa risplende sotto il Sole del gestito

Luglio sorride ad Amundi, meno a Generali

Risparmio gestito, continua il segno meno

Risparmio gestito, tre mesi in apnea

Assogestioni è l’ago della bilancia di Carige

Risparmio gestito, l’exploit di Poste

Giugno fiacco per il risparmio gestito

Ti può anche interessare

JP Morgan, ecco l’indice su Trump

Giusto qualche tempo fa avevamo avvisato i consulenti finanziari in merito alla necessità di monito ...

Investimenti, uno sguardo alla seconda metà dell’anno

Nei primi sette mesi del 2019 i mercati azionari hanno messo a segno una performance eccezionale, su ...

Brexit, le borse non hanno paura

Dopo la bocciatura dell'accordo, le borse europee rimangono indifferenti. Anche Londra contiene il r ...